McLaren 675LT

La famosa Casa automobilistica inglese ha da poco lanciato la versione Spider della 675LT, con prestazioni e soluzioni tecniche di altissimo livello, proposta ad un prezzo vicino ai 400.000 Euro ma già esaurita.

speciale McLaren 675LT
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Fondata il 2 settembre 1963 dal pilota neozelandese Bruce McLaren, McLaren è nota in tutto il mondo non solo per le sue monoposto di Formula 1, ma anche per le sue vetture di serie ad elevate prestazioni. L'azienda, con sede a Woking in Inghilterra, è una delle più titolate scuderie della Formula 1, con 8 titoli costruttori e 12 titoli complessivi vinti dai suoi piloti, e produce anche auto di serie di altissimo livello.
Tra i modelli più famosi ricordiamo la McLaren F1, una delle pietre miliari nella storia della tecnologia automobilistica. Disegnata dall'ex ingegnere di Formula 1 Gordon Murray e presentata al pubblico a Monte Carlo il 28 maggio 1992, la McLaren F1 fu la prima auto di serie ad utilizzare una scocca autoportante in fibra di carbonio. Questa vettura montava, in posizione centrale/posteriore, un propulsore V12 da 6 litri e 627 CV realizzato appositamente da BMW. Soluzioni che consentirono alla F1 di raggiungere prestazioni incredibili, con un rapporto peso/potenza di 1,75 kg/CV, una velocità massima di 386 km/h ed un'accelerazione da 0-100 km/h in 3,2 secondi. La Casa di Woking ha successivamente continuato la produzione delle vetture di serie con veicoli di grande successo come la MP4-12C, la supercar P1 e la 650S.
Proprio sulla base di quest'auto, l'azienda inglese ha realizzato la 675LT, proposta di recente anche nella versione Spider. Analizziamo le novità di questo nuovo modello della famiglia "Super Series" partendo dalle caratteristiche tecniche della 650S.

McLaren 650S

La McLaren 650S è basata sia sulla MP4-12C sia sulla supercar P1. Da quest'ultima riprende il frontale, decisamente più aggressivo ed elegante rispetto a quello della 12C. Anche in questo modello troviamo le portiere diedrali (ispirate alla vecchia F1) dall'inconsueta apertura che consente al conducente e al passeggero di entrare ed uscire dalla vettura in modo abbastanza agevole, anche in spazi ridotti. Il posteriore è, invece, ripreso direttamente dalla 12C, dove spiccano i tubi di scarico in posizione rialzata, al centro della coda. Qui troviamo anche i fari posteriori a LED, nascosti da barre orizzontali nere. Infine sulla coda è presente lo spoiler attivo con funzione "Airbrake" che non solo genera downforce, ma funziona anche da freno aerodinamico.
Dal punto di vista tecnico la 650S condivide il telaio in fibra di carbonio ed il propulsore della MP4-12C. La monoscocca ha un peso di soli 75 Kg e viene impiegata sia sulla versione Coupè, sia sulla Spider.
Per quanto riguarda il motore, si tratta di un V8 con una cilindrata da 3.8 Litri e doppio turbo, che sulla 650S sviluppa 650 cavalli con 678 Nm di coppia. Questo propulsore consente all'auto di scattare da 0 a 100 chilometri orari in tre secondi e di arrivare a 200 Km all'ora in soli 8.4 secondi, con una velocità massima di 333 chilometri orari. Oltre al sofisticato sistema di sospensioni Proactive Chassis Control (PCC), tra le altre caratteristiche dell'auto citiamo il Brake steer, ripreso direttamente dal mondo della Formula 1. Un sistema di controllo elettronico dei freni posteriori che consente di gestire in modo ottimale la trazione dell'auto, minimizzando il sottosterzo a metà curva e permettendo di controllare il sovrasterzo ad alta velocità. Infine ricordiamo il cambio SSG a doppia frizione e a sette rapporti, i pneumatici Pirelli P Zero Corsa ed i freni carboceramici da 394 millimetri sull'asse anteriore e da 380 al posteriore.

McLaren 675LT

Come già detto in precedenza, la McLaren 675LT è un'evoluzione della 650S, dove la sigla LT sta per Long Tail (coda lunga). Termini che riportano alla mente degli appassionati di corse la versione allungata della McLaren F1, in versione GTR, che vinse la 24 Ore di Le Mans nel 1997, in classe GT1. Questo modello fu realizzato in soli dieci esemplari e solo tre unità furono prodotte in versione stradale ed è, quindi, una delle vetture più rare ed apprezzate dagli amanti di questa casa automobilistica.
Tornando al presente, la 675LT ha subìto sostanziali aggiornamenti rispetto alla "vecchia" 650S, con un terzo di nuove componenti. Partendo dall'aspetto esterno si nota immediatamente il frontale con il nuovo splitter più grande dell'80% rispetto al precedente modello, con nuove paratie laterali davanti alle ruote anteriori. I progettisti di Woking hanno apportato modifiche anche sulle fiancate con un rinnovato design delle minigonne che adottano nuove prese d'aria davanti alle ruote posteriori.
Anche la coda ha subìto un significativo upgrade dove spiccano i nuovi scarichi rotondi in titanio, dalle generose dimensioni. La forma complessiva è stata completamente rivoluzionata, il design è ora decisamente più aggressivo con diverse prese d'aria per favorire il raffreddamento del motore.
Al posteriore troviamo un nuovo Airbrake con una forma più larga del 50%, ma ora più leggero grazie alla costruzione in fibra di carbonio. Infine è stato modificato anche il diffusore che migliora il downforce sul posteriore.
I vari aggiornamenti al design hanno complessivamente migliorato l'aerodinamica di questo modello, ora più efficiente del 40% rispetto alla precedente 650S. L'auto, inoltre, fa ampio uso della fibra di carbonio nella carrozzeria per consentire di abbassare il peso complessivo della vettura. Questo materiale è stato usato, ad esempio, per il paraurti anteriore e le minigonne, mentre al posteriore per i parafanghi, il diffusore ed il vano motore. Sono stai eliminati i tappetini lasciando in bella vista il telaio, realizzato sempre in materiali compositi, nuovi anche i sedili racing che hanno fatto risparmiare 15 kg. Infine l'adozione di nuovi vetri ha permesso di diminuire il peso di ulteriori 3 Kg. Tutte queste modifiche hanno ridotto il peso dell'auto di 100 kg rispetto alla 650S, con un massa complessiva di soli 1230 Kg a secco, raggiungendo uno straordinario rapporto potenza/peso di 549 CV per tonnellata.
Per quanto riguarda gli interni, i nuovi sedili, derivati dalla supercar P1, sono realizzati ora in fibra di carbonio. Nell'allestimento standard, la vettura ha l'abitacolo rivestito in leggera Alcantara che ricopre anche il volante. Per ridurre ulteriormente il peso di 11,5 kg è possibile ordinare la McLaren 675LT priva d'impianto di aria condizionata, con i controlli delle varie funzioni disponibili tramite touch screen.
Gli ingegneri della McLaren hanno anche introdotto importanti novità al propulsore con il 50% di nuovi componenti utilizzate. Il motore della 675LT, sempre con cilindrata di 3.8 litri, ha ora 675 cavalli a 7.100 giri e una coppia massima di 700 Nm, disponibile tra i 5.500 ed i 6.500 giri al minuto.
La McLaren 675LT è in grado di passare da 0 a 100 chilometri orari in 2.9 secondi, e raggiungere i 200 all'ora in soli 7.9 secondi, con una velocità massima di 330 chilometri orari. Novità anche al cambio, dotato di un aggiornamento software che consente di effettuare cambi marcia due volte più veloci.
Infine sono state introdotte migliorie allo sterzo e alle sospensioni, indurite del 27% all'anteriore e del 63% al retrotreno. Queste, in particolare, sono state riprogettate grazie all'esperienza maturata con la P1 ed alleggerite di 13,7 Kg.

Questa vettura, viste le sue caratteristiche, è anche pensata per un utilizzo in pista. Per questo motivo la McLaren ha messo a disposizione dei suoi clienti optional appositamente sviluppati per gli appassionati dei "track-day". Il "Club Sport Professional Pack", ad esempio, include rollbar, cinture nei sedili a quattro punti, estintore ed ulteriori parti in carbonio. Questa vettura può essere, inoltre, equipaggiata con un sistema di telemetria denominato MTT (McLaren Track Telemetry) che consente al pilota un'analisi dettagliata delle sue performance in pista. A seconda del tipo di utilizzo, è possibile adottare i pneumatici PZero Trofeo R, ottimizzati per l'utilizzo racing o, senza sovrapprezzo, i modelli PZero per un utilizzo sulle normali strade.
Infine ricordiamo che la 675LT, presentata a marzo al Salone di Ginevra, è una vettura a tiratura limitata, realizzata in soli 500 esemplari, tutti già venduti ad un prezzo di circa 350.000 Euro.

McLaren 675LT Spider

Concludiamo con la variante Spider della 675LT, presentata ai primi di dicembre da McLaren. Anche in questo caso si tratta di una vettura a tiratura limitata, realizzata in 500 unità, vendute tutte in sole due settimane, con le prime consegne previste per l'estate 2016. La vettura è proposta ad un prezzo vicino ai 400.000 Euro e riprende tutte le caratteristiche della 675LT in versione chiusa, ma ora adotta un tetto rigido retrattile, apribile anche in movimento fino ad una velocità massima di 30 chilometri orari.
Anche in questo modello la casa di Woking ha prestato una particolare attenzione al peso, con 100 kg in meno rispetto alla 650S Spider e solo 40 Kg in più della versione 675LT coupè. Le performance della vettura rimangono sostanzialmente invariate rispetto alla sua gemella con il tetto, con l'accelerazione da 0 a 200 Km/h ora in 8,1 secondi.
Piccole differenze sul piano estetico con l'esclusiva tinta Solis, in giallo scuro, le finiture per gli interni "Xenon Yellow" ed i nuovi cerchi in lega da 19" all'anteriore e da 20" al posteriore.
Per chi volesse sognare ad occhi aperti, la McLaren ha allestito sul suo sito ufficiale un completo configuratore on-line dove è possibile creare la propria 675LT.Si può personalizzare ogni dettaglio dell'auto, dal colore delle pinze dei freni fino alle cuciture dei sedili. Si possono anche ordinare ulteriori parti in carbonio e scegliere tra i moltissimi optional disponibili come, ad esempio, l'impianto audio con 10 altoparlanti.

McLaren 675LT La McLaren 675LT è una vettura ad altissime prestazioni che può competere ad armi pari con gli ultimi modelli prodotti, ad esempio, da Ferrari e Lamborgini. I tecnici di Woking hanno prestato particolare attenzione alla riduzione del peso complessivo dell’auto con un uso diffuso della fibra di carbonio. Le performance di questa supercar sono sbalorditive con un’accelerazione da 0 a 100 chilometri orari in 2.9 secondi e 675 Cavalli, da godere anche nelle versione Spider. Infine la 675LT non teme neanche l’utilizzo in pista più impegnativo con la possibilità di essere equipaggiata con vari optional, ideali per i track day, tra cui ricordiamo il sofisticato sistema di telemetria MTT.