Le migliori concept car dal Salone di Francoforte 2015

Alla kermesse tedesca sono stati mostrati prototipi all'avanguardia che anticipano il futuro dell'automobilismo europeo e mondiale, con design estremi e soluzioni tecniche all'avanguardia.

speciale Le migliori concept car dal Salone di Francoforte 2015
Articolo a cura di

In questi giorni si sta svolgendo la sessantaseiesima edizione dell'Internationale Automobil-Ausstellung (IAA) mai stato così in forma grazie a 210 nuove auto presentate e 1.103 espositori provenienti da 39 Paesi. Il grande evento europeo, che si distingue per l'ampiezza e l'imponenza dei suoi spazi espositivi di ogni Casa automobilistica, richiamerà secondo le stime ufficiali quasi un milione di visitatori, per ammirare non solo i nuovi modelli di serie ma anche avveniristici concept che anticipano il futuro dell'automobile mondiale. Vediamo in dettaglio i modelli più interessanti.

Porsche Mission E

Molte case automobilistiche produttrici di famosi modelli sportivi hanno, negli ultimi anni, presentato numerosi modelli sia ibridi che elettrici, ad altissime prestazioni. Al salone di Francoforte Porsche presenta un concept molto interessante sia dal lato stilistico che meccanico. Il prototipo denominato Mission E punta al mercato dei veicoli elettrici di fascia alta, ora nelle mani di Tesla con la sua Model S.
La Mission E è un'auto a quattro porte, alimentata esclusivamente a batteria con un'autonomia dichiarata di 500 Km. Questo concept a trazione integrale e dotato di 4 ruote sterzanti, è spinto da due motori elettrici dalle ottime prestazioni. La Mission E ha una potenza di 600 CV che consente un'accelerazione da 0 a 100 Km/h in soli 3.5 secondi e 0-200 Km/h addirittura in meno di 12 secondi, con un tempo al Nurburgring previsto di meno di 8 minuti.
Molto interessante è la tecnologia impiegata nelle batterie e nel sistema di ricarica. Grazie al suo impianto elettrico da 800 Volt e al Porsche Turbo Charging, potremo ricaricare l'80% del pacco batterie in soli 15 minuti. La Mission E sarà, inoltre, compatibile con il sistema di ricarica ad induzione.
Per quanto riguarda l'aspetto esteriore, si riconoscono facilmente i tipici elementi del design Porsche, in particolare i fanali posteriori e l'andamento del tetto. Gli interni sono ovviamente futuristici con 4 singole poltrone dall'aspetto minimalista e dalla costruzione ultraleggera. La stessa filosofia progettuale la ritroviamo nel cruscotto, con una dashboard priva di pulsanti e ghiere, tutti sostituiti da OLED, accompagnati da un display olografico. Da non dimenticare il sistema di tracciamento oculare che impiega una videocamera per leggere dove si posa lo sguardo del guidatore. Purtroppo, come molti concept di questo tipo, non ci sono informazioni riguardo i tempi di arrivo sul mercato.

Mercedes Concept IAA

Anche Mercedes, giocando in casa, ha voluto stupire gli appassionati di auto con un prototipo denominato IAA (Intelligent Aerodynamic Automobile) capace di mescolare gli elementi del design tipici della brand tedesco con un look veramente avveniristico.
Questa berlina a quattro porte adotta un'aerodinamica attiva con un bassissimo CX (coefficiente di resistenza dell'aria) pari a solo 0,19. Quando raggiunge gli 80 km/h (o tramite la pressione di un apposito pulsante) quest'auto è in grado di mutare il suo aspetto esteriore per migliorare i propri consumi. In particolare otto segmenti sulla parte posteriore aumentano la lunghezza complessiva della vettura di 390 millimetri, i flap nel paraurti anteriore si estendono di 25 mm e quelli nel posteriore di 20 mm.
Anche gli interni sono estremamente innovativi, realizzati in materiali pregiati come alluminio e vetro. L'abitacolo è molto essenziale con 3 display che visualizzano la strumentazione di bordo, l'infotainment e la climatizzazione, tutti dotati di funzionalità touch e controllo tramite gesti.
La IAA sarà anche equipaggiata con un innovativo sistema di comunicazione denominato "Car-to-X". Questo sarà in grado di mettere in contatto l'auto con altri veicoli o elementi che ci circondano per monitorare quello che avviene al di fuori del nostro campo visivo, migliorando la sicurezza attiva del veicolo.
Analizziamo ora alcuni dettagli tecnici. La Concept IAA è lunga 5.04 m, 5.43 con l'aerodinamica attiva. La sua velocità massima, grazie ad un sistema ibrido plug-in da 279 CV, è limitata a 260 km/h. A seconda della configurazione aerodinamica, in modalità elettrica, è possibile percorrere tra i 62 e 66 chilometri con una singola ricarica delle batterie.

Bugatti Vision Gran Turismo

"Dal videogioco alla realtà". È questa la caratteristica principale che contraddistingue questo prototipo dall'aspetto veramente aggressivo. La Vision, infatti, è stata originariamente sviluppata solo in forma digitale all'interno del famosissimo videogioco Gran Turismo 6 ed ora al salone di Francoforte arriva la sua versione reale.
Si tratta di uno dei concept che più hanno attirato l'attenzione dei visitatori della kermesse tedesca, grazie al suo look veramente fuori dal comune. Il design della Vision Gran Turismo è un omaggio alla tradizione di Bugatti nel mondo delle corse, in particolare quello degli anni 20-30, e alle storiche vittorie alla 24 ore di Le Mans. E' anche un concentrato di tecnologia grazie alla realizzazione in fibra di carbonio e al potentissimo motore W16 (16 cilindri) collegato alle quattro ruote motrici. A livello stilistico, la Vision annuncia le nuove linee del brand Bugatti ed in particolare introduce alcuni elementi stilistici che ritroveremo nel prossimo modello denominato Chiron, una supercar da 1200 Cv con motore a 8 litri ed una velocità massima di oltre 400 km/h.

Hyundai N2025 Vision Gran Turismo

Rimaniamo nel mondo dei videogiochi con il nuovo concept presentato dal colosso coreano. Come il prototipo della Bugatti, la N2025 deriva, infatti, da una versione digitale presente in Gran Turismo. Anche quest'auto mostra un aspetto veramente sbalorditivo ispirato direttamente ai prototipi della 24 ore di Le Mans, con l'abitacolo in posizione centrale e la grossa pinna nella parte posteriore. Hyundai ha realizzato questa show car per mettere in mostra il know-how del marchio e portare l'attenzione sulla divisione ad alte prestazioni "N", dalla quale usciranno, nei prossimi mesi, i nuovi modelli sportivi del gruppo coreano.
Anche la scheda tecnica della N2025 lascia stupiti con quattro motori elettrici collocati nelle ruote, alimentati da una fuel cell a idrogeno, con una potenza complessiva di 884 cavalli. La pila fornisce "solo" 679 cavalli mentre un sistema di supercapacitori, che recuperano l'energia in fase di frenata, aggiunge ulteriori 205 cavalli. Il telaio è una monoscocca in CFRP (Carbon-fiber-reinforced polymer) per un peso totale di 972 kg.

Peugeot Fractal

Il nuovo concept del gruppo francese, denominato Fractal, è lungo solo 3,8 m (poco meno della Peugeot 208) ed è spinto da due motori elettrici (uno per asse con quattro ruote motrici) della potenza complessiva di 150 kW (204 CV). Quest'auto è stata concepita in 2 versioni, la coupè ed il modello cabrio, entrambi a quattro posti. La batteria è da 40 kWh ed è posizionata sotto il tunnel centrale. Questa dovrebbe garantire un'autonomia di circa 450 km.
Anche gli interni sono molto innovativi, con l'80% delle superfici ispirate agli auditorium e agli studi di registrazione, realizzate tramite stampa 3D grazie a complessi algoritmi elaborati tramite il cosiddetto "generative design".
La forma del cruscotto è molto essenziale e porta all'estremo le caratteristiche dell'i-Cockpit presente nei nuovi modelli di Peugeot. Realizzato in colore nero e con inserti in legno, sfrutta un display da 12,3 pollici HD per visualizzare tutti parametri dell'auto. Questo sarà affiancato anche da un avanzato HUD. Inoltre è presente un secondo schermo disposto nella console centrale, da 7,7 pollici con tecnologia AMOLED. Sbalorditivo è l'impianto audio "9.1.2" realizzato da Focal. Sono infatti installati sull'auto tre speaker per la riproduzione delle frequenze medio-alte, due tweeter, due woofer ed un subwoofer. Nella parte posteriore due medi, due tweeter ed un woofer e l'amplificatore necessario a pilotare l'intero sistema. Infine nei sedili sono inclusi due innovativi subwoofer sviluppati dalla start-up americana SubPac. Questo impianto permetterà innovative funzionalità, come ad esempio la voce del navigatore in grado di spostarsi all'interno dell'abitacolo a seconda della direzione da prendere. Infine ricordiamo che l'auto sarà interamente gestibile tramite smartwatch. Grazie al Samsung Gear S potremo visualizzare in qualsiasi momento informazioni sulla carica della batteria, la temperatura dell'abitacolo e la posizione della vettura. Inoltre potremo controllare l'apertura delle porte, il climatizzatore e l'impianto audio.

Honda Project 2&4

Un concept a metà tra un'auto e una moto: è questo il prototipo presentato da Honda al salone di Francoforte. Una particolare vettura che ricorda quelle realizzate da Caterham, priva di parabrezza e con un abitacolo ridotto all'osso. Questa strana auto impiega una versione depotenziata del propulsore utilizzato in MotoGP, capace comunque di erogare 215 CV a 10.500 giri/min con una coppia di 108 Nm, collegato ad un cambio a sei marce a doppia frizione. Inusuale è anche la distribuzione delle varie parti dell'auto, con il motore sul lato destro ed il sedile a sinistra. Pesa solo 450 kg, ha una lunghezza di 3,04 metri ed una larghezza di ben 182 centimetri. Per quanto riguarda la strumentazione è presente solo un Head Up display subito dietro al volante.

Nissan GripZ

Concludiamo la nostra rassegna con un concept prodotto da Nissan, denominato GripZ. Si tratta di un crossover, lungo 4,1 metri e che potrebbe anticipare diverse soluzioni stilistiche che verranno impiegate nell'erede della Juke. Alto 1,5 metri, con un passo di 2 metri e 58, e con sbalzi estremamente ridotti, questo concept ha un design molto aggressivo che trae ispirazione dalla serie Z (il brand ad alte prestazioni di Nissan). Molto interessante è sia il look dei cerchi da 22" d'ispirazione motociclistica, sia quello delle quattro portiere, con apertura verticale per le anteriori e controvento per le posteriori. L'abitacolo interno in configurazione 2+2 è molto moderno ma con un design "vintage", soprattutto del volante e del quadro strumenti. Anche questo prototipo presenta una propulsione ibrida denominata "Pure Drive e-Power" con il motore elettrico derivato dalla Leaf, affiancato da un propulsore termico ad alta efficienza che ricarica le batterie.

Salone di Francoforte 2015 Quest’anno al salone di Francoforte abbiamo visto dei concept davvero interessanti. I prototipi presentati in questa rassegna probabilmente non arriveranno mai sul mercato nella forma mostrata in Germania. Sono stati comunque in grado di anticipare il futuro del mondo dell’auto con un design, in generale, decisamente aggressivo, ma con una sempre maggiore attenzione alla riduzione dei consumi e dell’inquinamento. Abbiamo apprezzato in particolare i concept di Hyundai e Bugatti derivati direttamente dal mondo dei videogiochi grazie alle innovative scelte stilistiche, davvero sbalorditive. Infine menzioniamo la Porsche Mission E, forse il concept più elegante di tutta la fiera.

Altri contenuti per Salone di Francoforte 2015