Le migliori auto ibride plug-in del momento: prezzi e autonomie

Con il diesel in piena crisi, e le infrastrutture per l'elettrico ancora impreparate, un'auto ibrida plug-in potrebbe essere la scelta vincente.

speciale Le migliori auto ibride plug-in del momento: prezzi e autonomie
Articolo a cura di

Il settore auto sta vivendo un periodo molto particolare, in Italia come nel mondo. L'Unione Europea e diversi Paesi e regioni, in totale autonomia, stanno tagliando le gambe ai motori benzina e diesel, con questi ultimi che sembrano avere i mesi contati, almeno dal punto di vista produttivo.
Il futuro, ormai è sempre più chiaro, è nelle mani dell'elettricità, ci vorrà però ancora del tempo per abbracciare il Full Electric; il passaggio intermedio è rappresentato dalle auto ibride plug-in, che montano sia un propulsore elettrico con batteria, sia un motore tradizionale. Vediamo, a oggi, quali sono le migliori soluzioni ibride plug-in del mercato, prima di salutare l'elettrico 100%.

Sol Levante

Quando si parla di auto "Green", il primo marchio a tornare alla mente è certamente Toyota, sempre in prima linea nella sperimentazione, con auto ibride e addirittura a idrogeno.
La prima auto di cui vogliamo parlarvi è infatti la Toyota Prius Ibrida Plug-in, arrivata oggi alla sua seconda generazione. A fronte di un prezzo di 41.600 euro, l'auto vi permette di percorrere 50 km full electric oppure 100 km ogni litro di benzina. La sua più curiosa particolarità sta forse nel tetto, che grazie al calore del sole permette di immagazzinare energia aggiuntiva per la strumentazione di bordo - risparmiando la batteria per la marcia.
Anche Hyundai è un brand molto attivo nel campo delle nuove energie, con 34.000 euro si può infatti acquistare una Hyundai Ioniq Ibrida Plug-in, auto che offre un motore tradizionale 4 cilindri 1.6 litri GDi benzina da 105 cavalli, affiancato a un propulsore elettrico che invece eroga ulteriori 61 cavalli. La batteria integrata da 8.9 kWh permette 50 km di autonomia elettrica.

Oltremanica e non solo

Spazio anche per gli amanti dello stile british più puro: a 38.000 euro, di partenza, si può avere una iconica MINI Countryman Cooper S E, che vi permette di percorrere 42 km 100% elettrici. Quando la carica non basta, subentra un classico motore benzina da 1.5 litri da 136 cavalli, in grado di sostituire completamente la batteria in zone extraurbane.
Spostandoci in Germania, ma salendo di categoria, con 86.000 euro si può ottenere la Audi Q7 e-tron Quattro. L'autonomia elettrica è sempre di 50 km, il vero divertimento però arriva con l'ingresso in scena del motore diesel V6 da 3.0 litri TDI da 258 cavalli, abbinato a un cambio Tiptronic a 8 rapporti. Questa volta la velocità massima è di 230 km/h, mentre l'accelerazione 0-100 km/h è possibile in 6,2 secondi.

Energia pulita

Anche BMW offre una soluzione ibrida plug-in interessante: pensiamo alla BMW 225xe Active Tourer. L'auto offre 136 cavalli di potenza "a benzina" e 88 cavalli di energia elettrica, la sua autonomia Full Electric però non va oltre i 41 km - con una velocità massima di 125 km/h. Ottima invece l'accelerazione: bastano infatti 6,7 secondi per raggiungere i 100 km/h partendo da fermi. Per averla ci vogliono dai 38.000 euro in su, salvo agevolazioni.
Nella medesima fascia di prezzo, anzi scendendo a 34.000 euro, anche la Hyundai Ioniq Plug-in Hybrid può essere un'ottima soluzione, sempre a fronte di 50 km di autonomia elettrica, possibile grazie a un propulsore da 61 cavalli. Accanto a lui troviamo un motore tradizionale 4 cilindri da 1.6 litri GDi da 105 cavalli e 147 Nm di coppia, abbinato a un cambio automatico a doppia frizione a 6 rapporti.
Chi riesce invece a sfiorare i 60 km di autonomia elettrica è la Kia Niro Phev, con prezzi di listino a partire da 36.700 euro. Il suo punto di forza è rappresentato dai tempi di ricarica: bastano infatti 3 ore per avere una carica completa. La sezione classica è poi formata da un 1.6 benzina.


Fuori strada

Chiudiamo con due vetture muscolose, la prima delle quali è la Mitsubishi Outlander 2.0 PHEV. 121 cavalli tradizionali e 82 elettrici, questo capolavoro di ingegneria giapponese offre 52 km di autonomia a zero emissioni, mentre con l'entrata in gioco del motore tradizionale (un 2.0 litri 16V da 121 cavalli) si passa a 42 g/km. Con un litro di carburante si percorrono circa 56 km, non male se si è disposti a sorvolare su un'accelerazione nella media: 11 secondi per raggiungere i 100 km/h da 0.

Per l'Outlander plug-in hybrid bisogna spendere 47.000 euro, circa la metà del Range Rover Sport PHEV, che vanta ben 404 cavalli di potenza (in combo) e 640 Nm di coppia. Si spendono 90.000 euro (di partenza) ma si ottengono materiali premium e prestazioni top gamma. Parliamo infatti di un'accelerazione 0-100 possibile in 6,7 secondi, con una velocità massima dichiarata di 220 km/h. La batteria da 13,1 kWh permette 51 km di autonomia Full Electric e si ricarica in appena 2,45 ore a una presa da 32A. Utilizzando il motore a combustione, ogni 2,8 litri di carburante si percorrono 100 km.
Menzione speciale per l'Audi A3 Sportback 1.4 TFSI e-tron e la Volvo XC60 T8 Twin Engine. Sicuramente il mercato delle ibride plug-in è ancora lontano dal raggiungere la piena maturità, e le autonomie a zero emissioni sono ancora molto ristrette, a oggi però ognuno di questi modelli elencati offre un'ottima alternativa alla benzina e soprattutto al diesel. A voi la scelta.