Le auto invadono il CES 2020: dall'infotainment alla guida autonoma

Il prossimo 7 gennaio prenderà il via il CES 2020 di Las Vegas, con le auto sempre più protagoniste della fiera dell'elettronica. Ecco cosa aspettiamo.

speciale Le auto invadono il CES 2020: dall'infotainment alla guida autonoma
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Il prossimo 7 gennaio prenderà vita, per andare avanti fino al 10 dello stesso mese, il CES 2020 di Las Vegas, ovvero il Consumer Electronics Show più grande e atteso del mondo. Fra i suoi stand si possono trovare dispositivi tecnologici di tutti i tipi, nell'ultimo decennio in particolare a farla da padrona sono stati soprattutto gli smartphone, con i produttori che portano in Nevada tutte le novità prossime all'uscita.
Da qualche anno ormai è però facile trovare anche moltissimi marchi del mondo automotive, del resto tecnologia e automobili vanno sempre più di pari passo. Secondo gli esperti la tecnologia applicata ai veicoli a due e quattro ruote rappresenta un 10% del business tech totale - e parliamo di 2.300 miliardi generali.
Inoltre è un settore in assoluta crescita, con un trend di crescita medio a +8,7%. Una fetta di mercato da non sottovalutare in alcun modo, anzi, vale più del segmento tech applicato agli usi governativi e militari, fermo a 6,5%, e poco meno della tecnologia consumer, che vale il 12%. Per completezza, sappiate che le maggiori opportunità in ambito tecnologico arrivano da computer e macchine da ufficio, 26%, e dalla sanità e l'industria, 16,5%, ma torniamo alle automobili.

Automobili e tecnologie al CES 2020

Cosa dobbiamo aspettarci al CES 2020 in ambito automotive? In generale, i riflettori saranno accesi soprattutto sulla sicurezza digitale e sui sistemi di assistenza alla guida, ormai sempre più presenti a bordo delle auto di nuova generazione - e non solo premium. Largo spazio poi all'infotainment disponibile nell'abitacolo, anche questo sempre più ricco di generazione in generazione - con il software Tesla che guida la volata. Si parlerà poi di guida autonoma e di tutti quei rischi legati alla mobilità automatizzata, per la quale non basterà avere auto connesse 24 ore al giorno alla rete globale, bisognerà anche investire in infrastrutture e tenere conto di fattori difficilmente prevedibili.

Perché parliamo di infrastrutture? Beh perché già si parla in modo massiccio di tecnologica V2X, che permette alle vetture compatibili di connettersi a speciali semafori, telecamere e molto altro per conoscere in anticipo cosa succederà a un determinato incrocio. Auto di questo tipo inoltre si parlano costantemente fra loro in un'area delimitata (grazie al 4G o al WiFi), sarà dunque molto difficile per le vetture a guida autonoma fare - ad esempio - un incidente a un incrocio, poiché tutte sapranno dove si trovano le altre, pronte a frenare anche senza averle viste materialmente.

Se questa tecnologia è già montata in via sperimentale su alcuni modelli, è necessario aggiornare anche le infrastrutture cittadine, la parte più costosa e complicata dell'operazione. Impiegheremo decenni a rendere compatibili le strade di tutte le principali città del mondo, la tecnologia però già esiste e può portare clamorosi vantaggi.

I brand presenti al CES 2020

Parlando di singoli brand, al CES 2020 vedremo sicuramente Hyundai, che ha intenzione di portare un concept di auto volante chiamato Personal Air Vehicle (PAV) - che di fatto sfocia in un settore del tutto inedito, quello della Urban Air Mobility. Vedremo però anche un concept a quattro ruote chiamato Purpose Built Vehicle (PBV) e la Vision.M S dell'affiliata Hyundai Mobis, un modulo che comunica all'estremo tramite LED e non prevede conducente.
Presente anche Mercedes-Benz, che nei suoi stand sfoggerà la nuova EQC 400 4MATIC completamente elettrica, la Vision EQS e un nuovo concept futuristico inedito. Sarà poi l'anno dei pick-up, con diverse aziende che non vedono l'ora di presentare i loro anti-Cybertruck, il futuristico truck di Elon Musk. Dovremmo dunque vedere un nuovo RAM elettrico di FCA e una Jeep, mentre Toyota potrebbe presentare i nuovi Tacoma o Tundra 4x4.

Con molta probabilità vedremo anche un veicolo stampato interamente in 3D da un'azienda cinese, che ha intenzione di venderlo a 6.700 dollari. Spazio anche alle moto elettriche, ormai sempre più diffuse sul mercato e in grado di catturare l'attenzione di una buona fetta di pubblico; a tal proposito la start-up canadese Damon porterà al CES 2020 un nuovo, interessante prototipo, Segway poi dovrebbe portare i suoi nuovi scooter elettrici presentati al mondo appena qualche giorno fa - debuttando di fatto in un settore in grande espansione.

Fra i desideri pressoché irrealizzabili, sarebbe poi fantastico vedere una nuova vettura Tesla, quel famoso robotaxi che potrebbe entrare in funzione già a inizio 2021, una berlina a marchio Rivian e un modello "brand new" firmato Fisker, che ha dimostrato di saper essere molto originale nel concepire le sue vetture. Non resta che aspettare poco più di una settimana per sapere tutto con certezza.