Le Alfa Romeo sportive sotto i 20.000 euro che possiamo (ancora) comprare

Una selezione di auto sportive del Biscione che hanno fatto la storia, di sicuro valore storico e a prezzi accessibili.

speciale Le Alfa Romeo sportive sotto i 20.000 euro che possiamo (ancora) comprare
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

In questi giorni i fan del Biscione sono stati presi dallo sconforto e dalla delusione. La notizia bomba che ha visto Alfa Romeo rivedere totalmente il suo piano industriale per il 2022, rimuovendo oltre al SUV di grandi dimensioni anche i modelli sportivi, ha scatenato un bel vespaio tra gli appassionati.
Nonostante queste pessime news, il mercato dell'usato offre ancora la possibilità di portarsi a casa un'Alfa Romeo sportiva senza dover spendere cifre esorbitanti. Abbiamo selezionato quindi per voi le migliori sportive usate del Biscione che ancora potete portarvi a casa pagando meno di una nuova Volkswagen Polo - per dirne una.

Attuali e compatte

Alfa Romeo offre, con meno di 20.000 euro, la possibilità di acquistare due modelli sportivi di ultima generazione, che includono tutti i comfort moderni e sanno regalare emozioni quando si tratta di dover spingere sul pedale destro.
L'Alfa Romeo MiTo, per esempio, è uscita di produzione nel 2018 e sul mercato dell'usato c'è un assortimento di modelli e configurazioni molto ampio. Due sono le versioni interessanti: la Distinctive 155 CV, dotata del celebre 1.4 T-Jet montato anche sulla 500 Abarth, e la MiTo QV 170 CV, spinta dal 1.4 Multiair di ultima generazione.
Entrambe sono un'ottima alternativa alla Punto Abarth/Punto Evo Abarth (condividono lo stesso pianale FGA Small e gli stessi propulsori), si guidano bene, hanno una linea attuale e soprattutto hanno un rapporto peso potenza piuttosto interessante, infatti con appena 1220 kg in ordine di marcia hanno tutto l'occorrente per essere delle piccole pocket rocket.

I prezzi? Per dei veicoli che non sforano la soglia dei 100.000 Km si parte da poco meno di 5.000 euro per la Distinctive 155 CV T-Jet, mentre le 170 CV Multiair hanno in media un prezzo di 8-9.000 euro. Postilla per chi intende elaborare questa piccola hot hatchback: è preferibile la versione col 1.4 T-Jet in quanto, secondo la community di appassionati, è un motore molto più affidabile, robusto e soprattutto semplice da gestire. Inoltre vi eviterete probabili rogne col modulo di alzata delle valvole del Multiair, difetto risolto solamente con le ultimissime versioni.

Se preferite invece un upgrade rispetto alla MiTo, la soluzione ideale potrebbe essere la Giulietta QV. Spinta dal propulsore a 4 cilindri in linea 1750 TBI, è disponibile in versione 235 e 241 CV da abbinare o a un cambio manuale a 5 rapporti (235 CV) o a uno a 6 rapporti TCT a doppia frizione a secco (241 CV).

Come la MiTo la Giulietta non è un'auto troppo vistosa, ha un design elegante, attuale e vanta di un motore molto solido e super collaudato, in grado di far scattare questa due volumi da 0 a 100 km/h in circa 6,3 secondi. Di serie monta un impianto frenante a 4 pompanti Brembo che, accoppiato a un differenziale elettronico Q2 e a un assetto ribassato e irrigidito di 15mm all'anteriore e 10mm al posteriore, garantisce un ottimo mix tra comfort e sportività. I prezzi, ovviamente, sono più alti rispetto alla MiTo ma l'offerta è anche più sostanziosa. Si parte, sempre per modelli entro i 100.000 km, da circa 10.000 euro per la Giulietta QV da 235 CV (2010-2014) mentre per una 241 CV TCT i prezzi si attestano su una media di 16-17.000 euro, per un modello in buone condizioni. Occhio al bollo che inizia a diventare salato: si parla di circa 550 euro all'anno per la 241 CV.

Ode al Busso

Se invece preferite qualcosa di più "classico", con meno di 20.000 euro oltre a un gioiellino sportivo e pezzo di storia dell'automobile italiana potrete assicurarvi anche un indubitabile investimento.
I modelli che stiamo per elencarvi inoltre sono quasi tutti compresi nella Lista Chiusa del R.I.A.R (Registro Italiano Alfa Romeo) e facendone parte, oltre ad avere un valore aggiunto in caso di vendita, hanno il vantaggio di essere esenti dall'imposta di bollo nella sola Regione Lombardia, in quanto questa lista racchiude auto meritevoli di attenzione e salvaguardia anche se non ancora di interesse storico.

Sulla stessa linea di pensiero, circa, della Giulietta e della MiTo troviamo, per esempio, l'Alfa Romeo 147 GTA. Questa hot hatchback prodotta a partire dal 2002 è diventata negli anni un'icona, un po' per la sua estetica spinta, grazie a un bodykit dedicato molto muscoloso, ma soprattutto perché è stata l'ultima vettura a montare il 3.2 V6 "Busso", motore assolutamente leggendario per via del tiro corposo e del sound ineguagliabile. Un modello ben mantenuto inizia ad avere prezzi salati ma comunque accessibili: considerando il garantito valore futuro si possono trovare 147 GTA già intorno ai 14.000 euro. Se invece volete lo stesso feeling in un corpo vettura coupé (con un extra a partire dal 2007 che è il differenziale meccanico Q2, assente sulla 147 GTA), sul mercato dell'usato si trovano parecchie Alfa Romeo GT 3.2 V6 24V a partire da prezzi ben più contenuti, circa 8.000 euro. Un affare garantito.
Con lo stesso motore c'è anche la berlina (o sportwagon) 156 GTA, che ha però dei costi mediamente più alti e i modelli col cambio manuale, più ricercati del Selespeed, sono intorno ai 18.000 euro.

Tornando indietro con gli anni troviamo altre due berlinone degne di nota: la 164 e la 166. La prima offre due allestimenti molto interessanti: il 2.0i V6 turbo da 201 cv, che si trova intorno ai 6.000 euro (in buono stato), e il 3.0 V6 24V aspirato da 211 CV, che si attesta tra gli 8-9.000 euro. Entrambe le varianti sono comprese della Lista Chiusa del R.I.A.R., quindi il valore collezionistico è garantito.
La 166 invece offre delle motorizzazioni sportive simili alla 164, quindi il 2.0 V6 Turbo (con dispositivo overboost) e il 3.0 aspirato, con aggiunta del 2.5 atmosferico. Esiste anche una versione col 3.2 V6 24V ma è molto rara e serve un vero colpo di fortuna per trovarne una in vendita. I prezzi sono tutti molto accessibili e stazionano intorno ai 6-7.000 euro (per tutte e 3 le versioni).
Menzione d'onore anche per la piccola coupé 2+2 Alfa Romeo GTV: prodotta dal 1995 al 2005, è compresa in tutte le varianti e motorizzazioni nella lista del R.I.A.R. ma quelle più interessanti sono sicuramente il 2.0i turbo V6 da 201 CV, prezzi da 8.500 euro per dei modelli "sani", e il 3.0i V6 24V Busso da 220 CV, con prezzi intorno ai 12.000 euro.

Chiudiamo infine con un paio di chicche: se siete fortunati potreste trovare in vendita due modelli veramente interessanti, hanno prezzi simili che normalmente si attestano tra i 22.000 e i 25.000 euro, ma può capitare a volte di scovarne alcuni che scendono sotto la soglia dei 20.000 euro.
Parliamo dell'Alfa Romeo 75 1.8 Turbo Quadrifoglio Verde e dell'Alfa Romeo Alfetta GTV6, due autentici pezzi da collezione che con un pizzico di fortuna potrebbero entrare nel vostro garage, garantendovi un discreto investimento per il futuro.