La Tesla Roadster sarà un atto di forza: Musk verso il suo show definitivo?

La nuova Tesla Roadster cozza con la filosofia del marchio di costruire auto popolari: a cosa servirà, dunque? Ecco perché sarà il più grande show di Musk.

speciale La Tesla Roadster sarà un atto di forza: Musk verso il suo show definitivo?
Articolo a cura di

Cosa dareste per entrare nella mente di Elon Musk? L'uomo che ha messo lo zampino nella creazione di SpaceX, Paypal, The Boring Company e ovviamente Tesla ha di recente confessato a un famoso podcast americano, Ride the Lightning di Ryan McCaffrey, di aver costruito la nuova generazione di Tesla Roadster, la sportiva della casa, quasi ed esclusivamente per mostrare i muscoli dinanzi alle case storiche Ferrari, Lamborghini e McLaren, ma potremmo aggiungerne ancora molte altre come Bugatti, Porsche e chi più ne ha più ne metta. Nella pratica, tutte le case automobilistiche specializzate in super e hyper car "tradizionali", alimentate ovviamente a benzina e con motori a combustione V6, V8 e V12.
Per mettere in piedi questo "atto di forza" i laboratori californiani stanno costruendo un autentico razzo su quattro ruote, che andrà a costare negli USA circa 250.000 dollari; cosa c'entra tutto questo con la filosofia che si trova alla base della fondazione di Tesla stessa?

L'auto elettrica per tutti

Il brand Tesla è nato con uno scopo chiaro, ben definito dallo stesso Elon Musk più e più volte: diffondere il più possibile, in tutto il mondo, le auto elettriche, facendole diventare - di fatto - di massa. Questo il sogno dell'imprenditore americano, che con la Tesla Model 3 per la prima volta ha raggiunto l'agognato obiettivo di offrire una versione Standard a 35.000 dollari, almeno negli USA.
La prima Tesla Roadster, le Model S e X hanno sempre avuto la nomea di essere vetture di lusso, visto il loro costo elevato, per Musk però sono soltanto state un trampolino di lancio per qualcosa di più popolare appunto, con la Model 3 prossima a sbarcare in Cina e già arrivata anche in Europa - Italia compresa, dove si può acquistare partendo da un prezzo base di 49.480 euro in versione Standard Range Plus, con il Pilota Automatico di serie anziché opzionale.
Presto inoltre arriverà anche la nuova Tesla Model Y, un crossover che unisce idealmente Model 3 e X, posizionandosi nel mezzo sia come dimensioni che come prezzo. Elon Musk e soci stanno dunque lavorando duramente per rendere i loro prodotti "economici" e di massa, perché allora puntare anche su una Tesla Roadster con caratteristiche fuori di testa per stuzzicare un settore "estraneo"?

Atto di forza

Possiamo ovviamente soltanto immaginare le risposte e la prima è certamente: solo per il gusto di farlo. Elon Musk non è certo una persona umile che vive nell'ombra, al contrario ama gonfiare il proprio ego e trasformarlo in puro carisma, è dunque possibile che il manager abbia investito su un'auto fuori categoria soltanto per mostrare cosa possono fare i suoi ingegneri - ricordiamolo, si parla di una vettura da 10.000 Nm di coppia subito disponibili e un'accelerazione da 0 a 100 km/h possibile in appena 1,9 secondi, neppure la nuova Ferrari SF90 Stradale arriva a tanto, con un V8 Turbo e tre propulsori elettrici.
La prima risposta può direttamente collegarsi a un'altra, più seria e di sostanza: per mostrare al mondo di cos'è capace un motore elettrico Tesla. Ancora, fra l'utenza globale, le auto elettriche sono viste con un pizzico di freddezza e di incertezza, c'è chi pensa che per ricaricarle ci vogliano intere nottate (quando con i nuovi Supercharger basta meno di un'ora), che i motori non siano potenti quanto le controparti a benzina e diesel, che l'esperienza generale - insomma - sia ancora del tutto deludente. Perché dunque non convincere la gente con una mossa eclatante?
Avendo già la tecnologia fra le mani, perché non creare una vettura che certamente compreranno in pochi, ma comunque in grado di far vedere a tutti come l'elettricità abbia ormai superato la tradizione a 360 gradi?

Sfidare Ferrari, Lamborghini, McLaren & Co. non è certo uno scherzo, parliamo di marchi che hanno plasmato la storia delle corse e dell'automobile in generale, presentare una Tesla Roadster in grado di batterle tutte in velocità è uno smacco che in pochi sarebbero in grado di sopportare. Immaginate dunque quale impatto avrebbe, e sicuramente avrà, un'operazione del genere a livello mediatico . Elon Musk non è certo uno che si accontenta, tocca dunque prepararsi a quello che sarà probabilmente uno dei più grandi spettacoli della sua carriera: la Roadster contro tutti, pronta a scendere nell'arena con un unico intento: rimanere la sola in vita.