La nuova Toyota Yaris GR 2020 vale i 40.000 euro che costa? Parliamone

La nuova Toyota Yaris GR sarà disponibile in Italia da settembre, con un prezzo decisamente salato. Esistono alternative a questa piccola bombetta?

speciale La nuova Toyota Yaris GR 2020 vale i 40.000 euro che costa? Parliamone
Articolo a cura di

Ci siamo, in meno di tre mesi avremo in Italia la nuovissima e cattivissima Toyota Yaris GR 2020, dopo un'attesa e un hype fuori dall'ordinario.
La piccola belva nata dalla partnership tra Gazoo Racing e Tommi Mäkinen Racing si prepara a scendere in strada (e in pista) con l'obiettivo di spazzare via la concorrenza, grazie al suo corredo tecnico assolutamente unico e... il suo costo decisamente salato, ben 39.990 euro a listino. Un pacchetto sicuramente Full Optional che potrebbe però spingere molti appassionati verso una concorrenza meno costosa... ragioniamoci su!

"Ok, il prezzo è giusto?"

Nelle 24 ore successive alla conferma del prezzo di listino italiano abbiamo assistito a un vero e proprio vespaio sollevato in parecchi forum e gruppi Facebook. "40k per una Yaris? Voi siete pazzi." Questa è una delle tante frasi che stanno circolando sui social ed effettivamente anche noi della redazione abbiamo un po' subito il colpo alla vista di quella cifra. 40.000 euro sono tanti, soprattutto se pensiamo che nella vicina Germania il prezzo di attacco è di 6.790 euro più basso. E non finisce qui, perché nel nostro Paese abbiamo anche l'Ecotassa che pesa 1.600 euro extra una tantum in fase di immatricolazione, il bollo annuale (614 euro, in provincia di Milano, per fare un esempio) e l'odiatissimo quanto insensato superbollo di 148 euro. Un bel salasso insomma, per essere una Yaris. Ma questa GR ha davvero troppi elementi in comune con la sua controparte civile? Per dirla tutta, no, se non fosse per il nome.
Come vi abbiamo raccontato in questo speciale dedicato, la piccola nipponica è stata progettata quasi da zero con in mente la filosofia degli anni delle homologation special.

Pianale "ibrido" studiato ad-hoc, trazione integrale con differenti setting, assetto sportivo, pinze monoblocco a 4 pot con dischi da 357mm e campane scomponibili, doppio differenziale Torsen, carreggiata allargata, parti della carrozzeria in alluminio e tetto in carbonio composito.
Stiamo parlando di un'assoluta perla per appassionati come poche ne fanno oggi, se poi consideriamo che anche il motore è stato praticamente progettato ex novo per questa vettura... bhe, forse forse quei 40.000 euro iniziano a diventare una cifra più facile da masticare.

Vero che gli interni, a nostro modesto parere, sarebbero potuti essere più in linea con lo spirito dell'auto, magari con dei sedili a guscio e l'opzione "Clubsport" da due posti secchi più rollbar, ma questo avrebbe fatto lievitare ancora di più il prezzo.
Tutto sommato l'idea di proporre l'auto nel solo allestimento Circuit non è affatto cattiva, visto che il prezzo dichiarato corrisponde di fatto a tutto quello che la Yaris GR può offrire al suo massimo, ma proporre a parte qualche extra, come fa Renault con R.S., avrebbe reso le cose ancora più interessanti.

Le alternative

E se invece volessimo vedere cosa offre la concorrenza a pari livello? Bel dilemma.
Al momento non esiste alcuna segmento B in vendita che sia in grado di pareggiare minimamente l'offerta della piccola GR. Forse la Fiesta ST, ma oltre a essere a trazione anteriore (come tutte le hot hatchback di questo gruppo) è comunque lontana anni luce dalla complessità di un progetto come quello della Yaris. Va detto però che in media le compatte di quel segmento costano 8-10.000 euro meno rispetto alla giapponese.
Dobbiamo setacciare il segmento C per iniziare a trovare qualcosa che le dia del filo da torcere.
Sul nuovo, auto come Megane R.S. Trophy, Hyundai I30 N Performance, VW Golf TCR hanno prezzi di listino simili o maggiori, hanno sì più cavalli ma nemmeno l'incredibile Honda Civic Type-R possiede una ricercatezza tecnica come quella della piccola giapponese.
Il paragone quindi è molto difficile, tant'è che l'ago della bilancia potrebbe essere il mercato dell'usato. Infatti i modelli sopraccitati si trovano tutti di seconda mano, entro i 30.000 km, a prezzi tra i 35 e 30.000 euro.
Se poi vogliamo sconfinare completamente, entro i 40.000 euro e con meno di 20.000 km sul mercato dell'usato troviamo mezzi come GLA 45 AMG, Audi TTS terza serie, BMW 235i e addirittura alcune nuove Subaru WRX STI, ma la lista è lunga. Secondo voi conviene prendere la Yaris by Gazoo Racing quando a pari prezzo si trovano auto di segmenti superiori? Fatecelo sapere nei commenti!