Ecobonus attivo anche su moto e scooter elettrici: i modelli da acquistare

Da oggi 1 marzo è in vigore l'Ecobonus goverantivo anche su moto e scooter elettrici, scopriamo insieme i migliori modelli del momento.

speciale Ecobonus attivo anche su moto e scooter elettrici: i modelli da acquistare
Articolo a cura di

Da oggi 1 marzo 2019 si può ufficialmente usufruire dell'Ecobonus 2019, si può dunque accedere agli incentivi per l'acquisto di un'auto ibrida o elettrica fino a 6.000 euro di sconto - rottamando una vecchia auto, altrimenti fino a 4.500 euro. Il bonus però è attivo anche su moto e scooter a zero emissioni, cerchiamo dunque di far chiarezza su quali modelli sono coinvolti dall'Ecobonus e cosa è possibile acquistare ottenendo fino a 3.000 euro di sconto rottamando un veicolo Euro 0, Euro 1 ed Euro 2.
Come si calcola lo sconto? Bisogna considerare il 30% del prezzo totale, su una moto o uno scooter che costa 7.000 euro, per fare un esempio, il bonus sarà di 2.100 euro. Se si acquista un veicolo dal costo di oltre 10.000 euro, lo sconto massimo sarà sempre pari a 3.000 euro, non di più, così ha fissato il Governo.
Ma quali categorie sono compatibili con il bonus? Secondo le direttive ministeriali, sono compatibili con la "promozione" moto e scooter a propulsione ibrida o elettrica di categoria L1e e L3e, con potenza massima di 11 kW o 15 CV. Lo sconto è valido solo sul territorio italiano, poiché le imprese (sia costruttrici che importatrici) recuperano il contributo sotto forma di credito d'imposta. Vediamo dunque quali modelli sono a oggi compatibili.

Piaggio e Niu

Uno dei modelli più desiderati dal pubblico, e perfettamente compatibile con l'Ecobonus, è certamente la nuova Vespa Elettrica. 0 emissioni, 100 km di autonomia, 4 kW di potenza complessiva e tempi di ricarica che si attestano attorno alle 4 ore: lo scooter Piaggio si può acquistare a 6.390 euro con uno sconto di 1.917 euro, rottamando un vecchio scooter di pari categoria.
Se si vuole invece fare affidamento su un budget inferiore, il listino Niu merita davvero grande attenzione, poiché in grado di soddisfare diversi gusti e portafogli. I modelli attualmente più richiesti, come confermato da un grosso rivenditore romano, sono certamente quelli relativi alla Serie N, da 50 a 70 km di autonomia, dal design essenziale, connessi all'app Niu con Localizzazione Remota, Diagnosi dello Scooter, Centro Assistenza, GPS e Antifurto. La sua batteria da 29 Ah può essere rimossa dal sottosella e ricaricata comodamente a casa in circa 6 ore, con prezzi totali che si aggirano attorno ai 2.000 euro (e a salire, a seconda delle configurazioni).
La Serie N base emula le prestazioni di un classico 50cc, con una velocità massima che non supera i 45 km/h, esiste però la variante N-GT con motore da 5.5 kW di picco che simula prestazioni da 125cc, toccando i 70 km/h. In questo caso si arriva a spendere circa 4.500 euro, con 130 km di autonomia grazie alla doppia batteria. Sempre attorno ai 2.000 euro si trova poi la Serie M, scooter ultra compatti monoposto con batteria da 42 Ah e motore elettrico Bosch da 1.2 kW, con velocità massima sempre pari a 45 km/h.

Gamma Vectrix

Per chi brama una potenza maggiore, c'è poi la gamma Vectrix, che con il VX-1 raggiunge tranquillamente i 110 km/h di velocità massima. 70 km di autonomia media, batteria da 3,7 kWh, tempi di ricarica da 4 a 6 ore, questo modello riprende le linee dei classici scooteroni cittadini, con il VX-3 si può addirittura fare affidamento su 3 ruote, per una maggiore tenuta di strada e sicurezza - ma attenzione alla potenza e ai CV. Vectrix ha poi creato anche il perfetto emulo di un 50cc, il VX-2, con 45 km/h di velocità massima, dai 60 agli 80 km di autonomia a seconda dell'utilizzo, batteria da 2,8 kWh e tempi di ricarica da 3 ore e mezzo a 5. I prezzi variano da circa 4.000 euro a 8.000, con eventuale Ecobonus da applicare.
Sempre restando nella sfera dei "50cc", chi cerca un veicolo leggero (meno di 100 kg) può fare affidamento sul Peugeot 2.0 GenZe, con 50 km di autonomia, velocità di 45 km/h, batteria estraibile da ricaricare in 4 ore. Simile al modello Peugeot è il Muvi di Torrot, con prezzi che si aggirano attorno ai 3.000 euro: solo 85 kg di peso, 4,1 CV di potenza, batteria da 25 Ah e un'autonomia stimata in circa 110 km.

Moto elettriche

Abbandonando la categoria degli scooter, arriviamo a quella più importante delle moto elettriche, anche se in questo campo superare i 10.000 euro è praticamente obbligatorio (ricordatevi che oltre i 3.000 euro di Ecobonus non si può andare). Inoltre, mancando a oggi il decreto attuativo, non conosciamo i dettagli finali per accedere al bonus, abbiamo dunque selezionato moto da 11 kW che però potrebbero essere escluse per via dei loro CV. Il consiglio dunque è di chiedere delucidazioni al vostro rivenditore di fiducia.
In questo campo grande attenzione merita la gamma da 11 kW di Zero Motorcycles, che comprende la Zero S e la Zero DS, moto da guidare con patente A1 o B. Occhio di riguardo anche al listino di Volta Motorcycles, con all'interno la Volta BCN City con potenza nominale di 11 kW che può essere guidata dai 16 anni in su, e prezzi che si aggirano attorno ai 9.000 euro.
Dovrebbe essere compatibile con l'Ecobonus anche la prima moto elettrica dell'italiana Fantic Motor, la Fantic Motor E-Caballero, con powertrain da 11 kW e batteria da 7,5 kWh, utile a garantire un'autonomia di circa 150 km. 120 km/h invece la sua velocità massima.

Nuovi modelli dovrebbero comunque aggiungersi nel corso del 2019, per dettagli più precisi - lo ricordiamo - è sempre meglio rivolgersi al proprio rivenditore di fiducia, poiché non tutti i modelli citati potrebbero essere disponibili all'acquisto in determinate zone.
Ricordiamo che per accedere all'Ecobonus è necessario rottamare un mezzo a due ruote di categoria pari al nuovo veicolo, con documento assicurativo attivo da almeno 6 mesi. In questi primi giorni potrebbero esserci serie difficoltà per ottenere/richiedere il bonus, gli stessi rivenditori sembrano brancolare nel buio in merito ai dettagli, se avete delle interessanti esperienze in merito scrivete pure nei commenti. Dalle 12:00 di oggi 1 marzo dovrebbe comunque essere attivo il sito dedicato all'Ecobonus, sul quale dovrebbero arrivare nuovi dettagli tecnici.