Quale CUPRA comprare a fine 2021 dopo l'arrivo della Born?

Dopo l'arrivo della CUPRA Born, sbirciamo le opzioni disponibili del marchio catalano, tra motori endotermici classici, ibridi ed elettrici.

Quale CUPRA comprare a fine 2021 dopo l'arrivo della Born?
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Il 2021 è stato per CUPRA un anno fondamentale, il marchio di Martorell infatti ha consolidato la sua presenza sul mercato e ha mostrato al mondo il suo piano di attacco per il futuro. Zero emissioni, performance e lifestyle saranno i tre punti cardine che tutti i prodotti futuri del brand spagnolo andranno a seguire, nel frattempo però, durante questo periodo di transizione, la gamma a disposizione del cliente finale prevede ancora svariate opzioni e motorizzazioni. Il 2022 è alle porte e sono proprio gli ultimi mesi dell'anno quelli da sfruttare - grazie allo stock - per potersi garantire un bel taglio di prezzo rispetto al listino, andiamo dunque a vedere quale CUPRA comprare a fine 2021.

CUPRA Leon e Ateca

Leon è sicuramente il cavallo di battaglia di SEAT, l'arma con cui Martorell ha deciso di conquistare il mercato delle berline a suon di tecnologia e prezzi interessanti.

CUPRA ha rivisto Leon secondo il proprio stile, dando un'altra voce alla sua anima e introducendo in anticipo rispetto alla concorrenza un modello sportivo elettrificato. Questa segmento C è disponibile sia col famigerato 2.0 TSI - con doppio taglio 245/300 CV - e DSG a 6 rapporti, oppure con il 1.4 TSI e-Hybrid con DSG 6 che abbiamo provato non molto tempo fa con SEAT, ma questa volta è stato pepato e proposto in due versioni da 204 e 245 CV.

Il discorso è analogo per CUPRA Leon Sportstourer, versione station-wagon della berlina compatta che a parte una lunghezza aumentata a 4,64 m - con 620 litri di spazio di carico - mantiene comunque l'indole dinamica e sportiva della versione più corta.
Il vero game-changer qui è il 1.4 TSI Plug In-Hybrid da 245 CV: rispetto al 2.0 TSI da 300 CV forse è un po' meno brioso, il sound non è proprio coinvolgente e l'allungo paga un po' la cilindrata minore ma i 400 Nm di coppia disponibili già a bassi regimi (1500 giri) sono un plus davvero non da poco per una daily car come Leon.
Grazie al sistema ibrido plug-in con batteria da 12,8 kWh si hanno inoltre ben 70 km di autonomia in elettrico (ciclo WLTP), il tutto su un'auto che tra le curve sa fare divertire anche in versione station wagon.

Se non avete problemi di budget CUPRA Leon 2.0 TSI 300 CV è di sicuro la scelta giusta, anche se la differenza con la 2.0 TSI 245 CV è minima, ma se il dubbio vi attanaglia fidatevi di noi, la 1.4 TSI e-Hybrid è da prendere a occhi chiusi!
I prezzi sono abbastanza vicini ma con le versioni elettrificate potrete godere dei vari incentivi statali o regionali e risparmiare un bel gruzzoletto. Per la 1.4 TSI e-Hybrid si parte da 38.400 euro (204 CV) mentre per la versione con endotermico 2.0 TSI il prezzo di listino è 39.550 euro (245 CV) e 42.750 euro (300 CV).

Ateca è stata la prima vettura della line-up a fregiarsi del marchio CUPRA e ha vissuto interamente il periodo di transizione cambiando nome da SEAT Ateca CUPRA a CUPRA Ateca.
Essendo il modello più "anziano" - nonostante il restyling recente - è quello che sicuramente andrà in pensione prima, proprio per questo motivo non è disponibile una versione elettrificata ma solo con motore 2.0 TSI da 300 CV con DSG a 7 rapporti con trasmissione 4Drive.

Qui si sente tanto il fine tuning fatto da Martorell, il SUV da 1.600 kg adesso si muove davvero bene ma soprattutto grazie al propulsore Turbo da 2 litri spinge molto forte e regala uno 0-100 km/h in appena 4.9 secondi (fonte: Zperf) e una velocità massima di 245 km/h, il tutto accompagnato dalle note dello scarico Akrapovic, un optional da ben 3.710 euro.
Il prezzo di partenza è di 48.900 euro ma bastano due optional giusti (Brembo, Akrapovic ecc) per far schizzare il cartellino a oltre 60.500 euro, a cui ovviamente dobbiamo aggiungere ecotassa, superbollo e assicurazione.
Francamente non sappiamo se consigliarla, soprattutto perché nella line-up c'è un'auto che è praticamente meglio in tutto e costa addirittura meno: CUPRA Formentor.

L'essenza CUPRA

Formentor è stato il primo passo di un progetto completamente nuovo e fresco, una vettura che nel giro di un paio d'anni dal lancio ha saputo conquistare sia critica che pubblico.

Grazie a un design aggressivo, curato ed elegante e alla scelta intelligente del marchio catalano di proporre questa vettura in ben 10 configurazioni diverse e 5 motorizzazioni da scegliere, oggi 2 CUPRA su 3 vendute sono proprio delle Formentor.
Le motorizzazioni "civili" disponibili sono 4, partendo dai benzina abbiamo 1.4 TSI e-Hybrid da 204 CV con DSG 6 (da 39.200 euro); il 1.5 TSI da 150 CV proposto sia con cambio manuale a 6 rapporti (da 32.500 euro) sia con DSG 7 (da 34.250 euro); il 2.0 TSI 4Drive da 190 CV con DSG 7 (da 37.550 euro).
Non finisce qui perché - seppur destinato a non aver futuro - CUPRA offre anche un propulsore diesel in due varianti, un 2.0 TDI da 150 CV 2WD con manuale a 6 rapporti (da 34.450 euro) e un 2.0 TDI 150 CV 4Drive con DSG 7 (38.450 euro). Cosa scegliere dunque a fine 2021?

Come per ogni macchina è importante capire il tipo di esigenza (km annuali, lunghe percorrenze ecc) ma al momento il nostro consiglio resta lo stesso dato per Leon: il 1.4 TSI e-Hybrid è troppo vantaggioso - soprattutto se vivete in città - per non essere preso in considerazione, per tutto il resto potete optare per il 2.0 TDI 4Drive anche se non tira aria buona per il diesel in questo periodo. Se invece volete puntare solo su benzina allora la soluzione migliore potrebbe essere il 1.5 TSI con DSG, più parco nei consumi e più gestibile del 2.0 TSI 4Drive.

Per i più esigenti CUPRA ha creato una linea di modelli dal nome VZ (Veloz) e delle prestazioni più spinte. Queste configurazioni oltre ad avere di serie moltissimi optional - alcuni di questi esclusivi come i cerchi - si diversificano esteriormente per i vistosi dettagli color Copper CUPRA, mentre alla guida sono marcatamente più sportive grazie a un tuning specifico
Il 1.4 TSI e-Hybrid viene riproposto e portato a 245 CV (da 46.550 euro) mentre il 2.0 TSI compare di nuovo con doppia scelta tra 245 CV trazione anteriore con DSG 7(da 43.500 euro) e 310 CV 4Drive con DSG 7 (da 47.900 euro). Per saperne di più: alla guida del nuovo CUPRA Formentor da 310 CV.

La punta di diamante dell'offerta è rappresentata dal Formentor VZ5 che abbiamo provato in pista, un modello a tiratura limitata equipaggiato con il 2.5 TSI a 5 cilindri da 390 CV, trazione 4Drive e DSG 7.
La VZ5 è ovviamente la più estrema di tutte ma il prezzo di partenza è di 62.350 euro, l'opzione più sensata potrebbe essere il 2.0 TSI da 245 CV ma per evitare il superbollo dovrete rinunciare alla trazione integrale. Resta sempre la possibilità dell'ibrido plug-in con il 1.4 TSI, ma capiamo bene che in mezzo a queste motorizzazioni spinte potrebbe non essere la prima scelta degli appassionati hardcore.

Scelta green

Chiudiamo con l'ultima arrivata e portabandiera del futuro di CUPRA. Born, disponibile in Italia da novembre 2021, è la prima Full Electric del marchio di Martorell e si propone come alternativa sportiva e stilosa alle altre compatte elettriche che si trovano sul mercato. (Per approfondire: abbiamo guidato la CUPRA Born in Catalogna)

Lei è la prima di una lunga stirpe - vi ricordate della CUPRA UrbanRebel? - ad adottare il powertrain elettrico a discapito degli ICE e grazie all'esperienza in E-CTR tenta di portare su strada un mix di stile e di sportività che ancora nessuno è riuscito a introdurre. CUPRA ha ridefinito totalmente la Volkswagen ID.3, dandole un carattere completamente nuovo sia all'interno che all'esterno e un comportamento più brioso tra le curve.
Born ha linee tese ed è ricca di dettagli geometrici, il Copper CUPRA balza all'occhio nei numerosi profili della vettura e opzionali ci sono anche degli enormi cerchi da 20 con pneumatico ad-hoc.

Dal prossimo mese sarà disponibile un unico allestimento, quello con 204 CV (prezzo di lancio di 37.250 euro - tramite finanziamento con 35 rate da 295 euro e anticipo di 11.450 euro). Le versioni "entry level" da 150 CV (con batteria da 45 kWh) e da 231 CV (con tagli da 58 o 77 kWh) arriveranno nei primi mesi del 2022.