Come rinnovare la patente di guida e cosa si rischia quando scade

Cosa si rischia a guidare con una patente scaduta? E cosa bisogna fare per rinnovarla? Scopriamo cosa bisogna fare per evitare multe e sanzioni.

speciale Come rinnovare la patente di guida e cosa si rischia quando scade
Articolo a cura di

Per guidare un veicolo a motore sulle strade europee è necessario possedere una patente di guida, un documento dalla validità variabile in base all'età che andrebbe rinnovato con largo anticipo rispetto alla sua scadenza - anche per non incappare in sanzioni e multe onerose. Scopriamo dunque tutto sul documento più importante per un automobilista e cosa rischiamo a guidare - magari inavvertitamente - con un documento scaduto all'interno del nostro portafogli.
Innanzitutto ricordiamo che la patente di guida italiana (con validità anche europea) di categoria AM, A e B ha una validità di 10 anni qualora l'automobilista abbia meno di 50 anni. Superata questa soglia il rinnovo è obbligatorio ogni 5 anni fino ai 70, dai 71 agli 80 invece si scende a 3 anni. Per gli ultra 80enni il rinnovo è possibile ogni 2 anni con precise prescrizioni mediche.
Per quanto riguarda la patente C, il rinnovo è obbligatorio ogni 5 anni fino al 65esimo anno di età, mentre oltre i 65 anni la scadenza cade ogni 2 anni; più o meno lo stesso avviene con la patente D, valida per 5 anni per gli under 65, inoltre fra i 60 e i 68 anni c'è bisogno di una specifica attestazione per la guida degli autobus. Oltre i 68 anni il rinnovo risulta impossibile. Ma cosa succede a guidare con una patente scaduta?

Guidare con una patente di guida scaduta

Qualora durante un controllo il nostro documento di guida dovesse risultare scaduto, due sono le sanzioni a cui si va incontro, una pecuniaria e una seconda accessoria. La multa pecuniaria va da 160 euro a 644 euro, la pena accessoria invece è rappresentata dal ritiro immediato della patente scaduta da parte della autorità competenti.
Dal momento del ritiro, l'automobilista ha 10 giorni di tempo per effettuare le dovute visite mediche, rinnovare il documento e ritirarlo presso i Carabinieri o il comando di Polizia che lo ha sequestrato - e superare questo lasso di tempo è altamente sconsigliato. Oltre i 10 giorni infatti la patente ritirata finisce negli uffici della più vicina Prefettura e dovrà essere ritirata fisicamente con attestazione di rinnovo.
Tutto questo accade nel caso in cui si venga soltanto fermati durante un controllo, causare invece un incidente con patente scaduta genera conseguenze ben più gravi: nessuna assicurazione infatti pagherà i danni a terzi se si guida con un documento non valido, qualsiasi spesa relativa a danni a cose e/o persone sarà a carico dell'automobilista.

Rinnovo

Controllare regolarmente la data di scadenza della propria patente, al punto 4b del documento, invece non costa nulla, inoltre è possibile avviare le pratiche di rinnovo già 4 mesi prima l'effettiva scadenza. Per effettuare questa operazione servono 2 fotografie formato tessera conformi agli standard, inoltre bisogna pagare due bollettini rispettivamente da 9 e da 16 euro - disponibili prestampati negli uffici della Motorizzazione come in qualsiasi Ufficio Postale. La visita medica può essere effettuata presso l'Asl di riferimento previa prenotazione, in un'autoscuola oppure nei centri Aci attrezzati, con medico in sede.

La nuova patente non viene rilasciata subito ma recapitata tramite posta all'indirizzo di residenza oppure a un secondo scelto in sede di rinnovo, inoltre alla consegna bisognerà pagare al postino 6,86 euro per ottenere il documento. La consegna avviene in circa una settimana, motivo per cui è bene muoversi con largo anticipo rispetto alla data di scadenza della patente, effettuando tutte le operazioni necessarie senza avere il fiato sul collo.
Anche i cittadini italiani residenti all'estero hanno la possibilità di rinnovare la propria patente, purché siano iscritti regolarmente all'AIRE da almeno 6 mesi; la loro visita medica si potrà effettuare presso le Ambasciate italiane o i Consolati - ma attenzione ai tempi, evitate in modo categorico di muovervi all'ultimo momento utile.

Furto, smarrimento, deterioramento

Cosa succede invece in caso di furto o smarrimento? Il primo passo da fare è ovviamente denunciare l'accaduto entro 48 ore, sarà poi la stessa Polizia a verificare le condizioni di duplicabilità del documento. In caso positivo, è possibile ottenere una nuova patente fornendo due fotografie formato tessera e un documento di identità valido. La nuova patente sarà recapitata come tradizione via posta, pagando in contrassegno 15,86 euro.

Bisogna invece recarsi alla Motorizzazione nel caso in cui il documento non possa essere duplicato dalla Polizia. Le autorità rilasceranno in questo caso un documento sostitutivo da consegnare in Motorizzazione insieme al modello TT2112 compilato, due foto formato tessera e un bollettino da 9 euro pagato sul c/c 9001.
Nel caso in cui abbiate necessità di rifare la patente di guida perché eccessivamente deteriorata, bisognerà sempre recarsi in Motorizzazione (o presso un'agenzia di pratiche auto, anche se in questo caso i tempi si allungano), compilare il modulo TT2112, pagare due bollettini da 9 e 32 euro, oltre ad avere il vecchio documento e due fotografie formato tessera.