Come funziona la Guida Autonoma della nuova Renault Arkana: comfort al top

Abbiamo provato a lungo le principali funzioni della Guida Autonoma di Livello 2 della nuova Renault Arkana, il crossover coupé tuttofare.

Come funziona la Guida Autonoma della nuova Renault Arkana: comfort al top
Articolo a cura di

La settimana scorsa abbiamo pubblicato sulle nostre pagine un articolo dedicato a nuova Renault Arkana E-Tech Hybrid, dopo 15 giorni passati a bordo del crossover coupé francese. Un pezzo dedicato soprattutto all'esperienza relativa ai consumi e al sistema Full Hybrid della casa francese, la vettura però ha molto altro da offrire come la Guida Autonoma di Livello 2. Abbiamo usato le funzionalità di assistenza alla guida in moltissime situazioni, anche fuori dall'autostrada, e dobbiamo confessare che Renault ha raggiunto un'ottima maturità in merito. Andiamo dunque a scoprire insieme quali sistemi è possibile trovare a bordo della nuova Renault Arkana e perché rappresentano un grande valore aggiunto.

Una Renault Arkana semi-autonoma

Partiamo col dire che, a vedere il configuratore, la Guida Autonoma di Livello 2 dovrebbe essere inclusa su tutti gli allestimenti, dall'Intens TCe 140 EDC FAP all'R.S. Line E-Tech Hybrid 145. L'Highway and Traffic Jam Companion (la Guida Autonoma di Livello 2 per l'appunto) è segnata come Optional su tutte le configurazioni, manca però un prezzo e l'aggiunta del pacchetto in fase di configurazione risulta a 0 euro.

Per maggiori informazioni chiedete in ogni caso delucidazioni al vostro concessionario Renault di fiducia. Con il pacchetto al suo massimo potenziale, a bordo della nuova Arkana si può godere del Cruise Control adattivo con Stop&Go automatico, del Lane Keep Assist e dei sensori per il monitoraggio dell'angolo cieco.

Quest'ultimo è ormai un dispositivo essenziale ma non sempre scontato: sugli specchietti abbiamo dei LED arancioni che si accendono ogni qual volta un altro veicolo occupa lo spazio dietro al nostro, sia a destra che a sinistra. Se impostiamo la freccia direzionale, gli avvisi diventano anche sonori oltre che visivi. Con il Rear Cross Trafic Alert veniamo avvisati anche uscendo da un parcheggio in retromarcia, nel caso in cui qualcuno - un altro veicolo o un pedone - sopraggiunga dietro di noi. Il vero cuore dell'offerta è però rappresentato da Cruise Control e Lane Keep, che funzionano infatti in combo - non si può attivare il Lane Keep Assist senza Cruise Control attivato.

Guida Autonoma di Livello 2

Con il Cruise Control adattivo attivato, l'auto è in grado di adattare la velocità di crociera in base al traffico, mantenendo in autonomia la distanza di sicurezza che noi impostiamo. La nuova Renault Arkana ci permette - come consuetudine - di scegliere diversi step per quanto riguarda la distanza di sicurezza, lasciando più e meno margine rispetto alla vettura che ci precede, spetta dunque a noi capire quando è necessario stare più lontani in base alla velocità impostata. La copertura massima è di circa 150 metri.

Il sistema funziona anche ad alte velocità, fino a 170 km/h, e fino a 130 km/h non abbiamo avuto il minimo problema. Chiaramente non parliamo di Guida Autonoma di Livello 5 ma di Livello 2, dunque è fondamentale tenere sempre le mani sul volante (se non lo facciamo dopo un po' l'auto ci intima di farlo) e gli occhi sulla strada. Nel corso della nostra prova il sistema si è comportato davvero bene e solo in poche occasioni è stato necessario intervenire per evitare danni. Rispetto ad altre Renault provate in passato, su questa Arkana sembra sia stato risolto parzialmente il "problema" della vettura in uscita in autostrada. Per capirci con un esempio, quando una vettura che ci precede in prima corsia in autostrada decide di uscire, si sposta a destra e decelera, noi dunque dovremmo in teoria continuare ad andare senza problemi, invece il sistema Renault tende solitamente a frenare e tenere la vettura davanti agganciata anche quando non dovrebbe.

Con questa Arkana il fenomeno si è palesato di meno, parliamo in ogni caso di un dettaglio abbastanza marginale, fastidioso ma non cruciale. È più importante invece fare attenzione alle code: può succedere infatti che l'auto torni ad accelerare vedendo strada libera, senza accorgersi però che più in là abbiamo magari delle auto ferme in coda a 0 km/h.

Senza il nostro intervento si rischiano talvolta frenate un po' brusche e improvvisate, che è molto meglio evitare. Problemi in ogni caso fisiologici, poiché come detto non ci troviamo davanti a una Guida Autonoma di Livello 5, il sistema dà solo un supporto al conducente, non lo sostituisce in alcun modo, e per il 98% dei casi svolge benissimo il lavoro per cui è stato progettato.

Il valore aggiuntivo del Cruise Control adattivo con Stop&Go

Certo il supporto è di quelli importanti: il valore di un Cruise Control adattivo con Stop&Go è davvero elevato, in termini di comodità, e ogni vettura di nuova generazione dovrebbe offrirlo di serie. Grazie al sistema Renault abbiamo viaggiato per centinaia di chilometri senza stress, con la vettura che si è adattata al traffico in autonomia.

Non solo però a grandi velocità in autostrada: abbiamo utilizzato il sistema anche su strade extraurbane a velocità più basse (in questo caso fate solo attenzione alle rotatorie, che il sistema non rileva) e soprattutto in coda. In coda il Cruise Control adattivo può davvero rappresentare una manna dal cielo, poiché la vettura si occupa da sola di frenare e ripartire in base al traffico.

Se passate da una vettura a cambio manuale a un'Arkana con Guida Autonoma di Livello 2 vi sembrerà di essere arrivati in Paradiso. L'unico appunto, comunque comune anche ad altre auto simili, riguarda il traffico super congestionato. Se stiamo più di 2 secondi fermi immobili nel traffico, il sistema va in sospensione; per ripartire poi basta premere il pulsante dedicato RES/+ sullo sterzo oppure dare un colpetto all'acceleratore, con l'autovettura che riprenderà la Guida Autonoma là dove l'aveva lasciata, con la medesima velocità (anche se questa sarà sempre assoggettata al traffico, ovviamente) e distanza di sicurezza.

Sempre al centro

In abbinata al Cruise Control adattivo c'è anche il Lane Keep Assist, che funziona secondo due modalità principali. La prima controlla il mantenimento di corsia ma non tocca lo sterzo, vi avvisa solo se state andando fuori strada con feedback al volante e suoni; la seconda è più marcata e agisce attivamente sullo sterzo, che diventa semi-automatico e si gestisce da solo per far stare la vettura al centro della corsia. Un sistema che funziona abbastanza bene, anche se dovete fare attenzione alle curve più marcate e ai tratti di strada in cui la segnaletica orizzontale non è il massimo.

Senza delle chiare linee bianche, infatti, il sistema di disconnette in automatico, senza avvisi sonori o altro, motivo per cui è fondamentale tenere sempre le mani sul volante e considerare il Lane Keep Assist come un aiuto d'emergenza, non come un auto-pilota tout court. Se dunque viaggiate molto o siete spesso bloccati in coda, una vettura con Guida Autonoma di Livello 2 (con capacità di Traffic Jam) può risparmiarvi parecchio stress. Viaggiare con la nuova Renault Arkana è stato infatti estremamente piacevole, i quasi 900 km percorsi in fase di test sono volati senza problemi - anche grazie alla comodità dell'allestimento R.S. Line e al cambio automatico.

Velocità sempre al limite

Anche se abbiamo parlato dei dispositivi chiave della Guida Autonoma di Livello 2 di Renault, le funzionalità non sono ancora finite. Il sistema infatti è anche capace di riconoscere i cartelli stradali, di mostrarveli sul quadro strumenti digitale e di segnalarvi eventuali anomalie - per esempio se state superando il limite di velocità ottenete un avviso acustico.

La vettura riconosce anche i tratti di strada in cui è vietato sorpassare, una feature insomma molto utile che può aiutarci nel rispettare il Codice della Strada e a segnalarci costantemente la velocità massima consentita, nel caso in cui avessimo perso il cartello su strada. Rispetto ad altre vetture, manca la possibilità di adattare con un solo tocco il limitatore di velocità con i limiti imposti dalla segnaletica, o almeno noi non abbiamo trovato il modo di attivarla. L'esperienza a bordo di nuova Renault Arkana è stata comunque ottima, guardando nello specifico alle tecnologie di Guida Autonoma di Livello 2, le cui funzionalità vengono ben rappresentate sul quadro strumenti digitale. L'attuale software di bordo di Renault non ci ha mai fatto impazzire, poiché non sfrutta a dovere tutto lo spazio a disposizione ed è poco personalizzabile, con la Guida Autonoma attiva però abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno a vista.

Attorno alla vettura ricreata su schermo in 3D abbiamo le linee del Lane Keep Assist, la distanza di sicurezza, la velocità massima impostata per il Cruise Control e i segnali stradali riconosciuti dal sistema. In questo modo lo schermo diventa quantomai ricco e ogni funzione viene visualizzata in modo chiaro davanti ai nostri occhi. Il produttore sta dunque lavorando molto bene sul fronte Guida Autonoma e fra non molto è probabile che anche i pochi difetti rimasti vengano risolti con le nuove generazioni - così come già tanti sono stati limati e sistemati su questa Arkana.