Proviamo la Renault Clio E-Tech Hybrid 2020: una piccola regina dei consumi

Abbiamo provato la Renault Clio E-Tech Hybrid 2020 per due settimane e siamo rimasti colpiti dalla sua efficienza, possibile grazie al Full Hybrid.

Proviamo la Renault Clio E-Tech Hybrid 2020: una piccola regina dei consumi
Articolo a cura di

Quando si parla della Renault Clio si ha a che fare con un'autentica leggenda, uno dei modelli più amati e venduti d'Italia sin dal suo debutto, avvenuto ufficialmente nel 1990. Da allora sono passati più di 30 anni e la Clio attuale è certamente molto diversa dalla sua primissima generazione, una vettura cresciuta in dimensioni e in tecnologia, tanto che con l'ultimo aggiornamento è arrivata anche la motorizzazione E-Tech Hybrid - probabilmente la più interessante del momento che noi abbiamo provato con allestimento Intens. Andiamo dunque a vedere insieme come si è comportata la nuova Clio E-Tech Hybrid nei 15 giorni di test, che ci hanno visto circolare in ambito urbano ma soprattutto in autostrada, con la "piccola" francese che si è dimostrata una fidata compagna di viaggio.

Regina dei consumi

Partiamo dal colore, il Blu Celadon che Renault offre di serie. Si tratta dell'unica colorazione che non richiede un prezzo extra, una scelta "coraggiosa" da parte del produttore francese che però dona un tocco di carattere alla vettura - che sin dall'apparenza vuole essere un modello fuori dagli schemi. Aggiungendo 810 euro al prezzo base si possono avere colori "più standard", mentre con 960 euro si può osare ancora di più con gli ottimi Orange Valencia e Rosso Passion, a meno che non vogliate un Bianco Quarzo proposto allo stesso prezzo. La scelta del colore riguarda comunque una sfera molto soggettiva dell'acquisto, è dunque bene virare verso toni più oggettivi e focalizzarci sulla tecnologia che spinge la vettura. La nuova Clio E-Tech Hybrid è lunga 4.048 mm, larga 1.798 mm e alta 1.440 mm, con un passo di 2,58 metri. Una cinque porte cittadina che offre una buona abitabilità in relazione alle sue dimensioni, che grazie a un bagagliaio da 301 litri è più che sufficiente per riportare a casa una spesa di medie dimensioni oppure trasportare due trolley da cabina e tre zaini, l'ideale per partire in due.

La nostra mente va subito ai viaggi e non a caso: pur essendo infatti un'ottima compagna cittadina, la nuova Clio E-Tech Hybrid ha dimostrato anche di saper viaggiare senza consumare troppo carburante. Nella nostra esperienza abbiamo fatto centinaia di chilometri in autostrada a 130 km/h, adottato spesso una guida un po' più sportiva in segmenti extraurbani e la media consumi non è salita oltre i 4,7 litri per 100 km, davvero notevole. Rimanendo in ambito urbano, la Clio E-Tech è in grado di scendere anche al di sotto dei 4 litri per 100 km - e la sua efficienza è proprio il principale motivo per acquistare questa nuova variante ibrida.

Full Hybrid con due motori elettrici

Tecnicamente, Renault ha dotato la sua compatta più venduta di una tecnologia Full Hybrid, la migliore attualmente disponibile nel caso in cui non si voglia andare sul Plug-in Hybrid. La scelta è per noi assolutamente vincente, poiché è un sistema che permette alla macchina di avere adeguata potenza e allo stesso tempo di tenere a bada i consumi di carburante (e di conseguenza le emissioni di CO2, ferme a 97-100 g/km). Renault vende il suo pacchetto Clio E-Tech con un cambio automatico Multi-mode a 4 rapporti che abbiamo trovato meglio calibrato rispetto alla sorella Captur E-Tech Plug-in Hybrid, che secondo noi alza troppo i giri motore e ogni tanto fa "fatica" a passare da un motore all'altro, facendo percepire uno stacco netto nella marcia.

La Clio E-Tech fortunatamente non soffre di questi problemi, l'andatura è molto più lineare e il motore termico non è invasivo quanto quello della Captur Plug-in; grazie al motore elettrico principale inoltre è possibile sfruttare una discreta coppia elettrica, che raggiunge tutto il suo potenziale nella modalità Sport. Se proprio dobbiamo trovare un difetto al sistema implementato da Renault, beh forse avremmo preferito una batteria agli ioni di litio più capiente di 1,2 kWh. Come spesso accade con il Full Hybrid, le batterie si scaricano molto presto, il motore termico Renault però è allenato a ricaricare il tutto abbastanza in fretta, bastano 20 minuti di guida sportiva per avere di fatto la batteria di nuovo carica. Inoltre è possibile sfruttare una modalità di marcia (B) che aumenta il recupero di energia in fase di frenata e ricarica ancora più in fretta l'accumulatore.

Non parliamo di una vera e propria modalità One Pedal ma quasi, con la frenata che inizia non appena si solleva il piede dell'acceleratore dal pedale. Tramite il quadro strumenti inoltre potete vedere costantemente come si comporta il sistema ibrido della vettura, che vi indica quando la trazione è completamente elettrica oppure c'è in funzione il motore termico (e quando questo ricarica la batteria). Pur non essendo un bolide da pista, la Clio E-Tech Hybrid 140 vince dunque sul fronte della dinamica di guida, briosa in modalità Sport, ben bilanciata e confortevole con quella MySense. Il motore elettrico principale è in grado di funzionare in autonomia in fase di ripartenza e fino a 30-40-50 km/h, dipende da come utilizzate il piede dell'acceleratore e da quanta carica residua ha ancora la batteria dedicata. Il motore elettrico interviene anche in autostrada in fase di veleggio, potete così viaggiare a 120-130 km/h senza usare una sola goccia di carburante, anche se per tratti limitati.

Una Clio super tecnologica

Renault inoltre permette di personalizzare a proprio piacimento le modalità di guida, un dettaglio che abbiamo molto apprezzato. Potete così sfruttare tre mappature sterzo (per averlo più o meno rigido) e tre mappature motore. Con la modalità Eco infine potete settare il tutto per avere una Clio extra maneggevole e ancora meno avara di carburante per circolare senza troppi pensieri in città. Anche su questo fonte il produttore francese vince su tutti i fronti. L'auto perfetta però non esiste, è dunque giusto parlare anche di qualche difettuccio veniale. Nonostante la Clio E-Tech Hybrid venga venduta a un prezzo di partenza di 23.800 euro, le plastiche interne non sono al top della categoria. In generale, le rifiniture sembrano votate un po' "al risparmio", il quadro strumenti digitale oltre lo sterzo lo è solo in parte (con uno schermo che non occupa tutto lo spazio a disposizione), mentre i sedili sono più che sufficienti per adempiere allo scopo anche se non fanno gridare al miracolo come manifattura. Su questi dettagli Renault avrebbe forse potuto offrire qualcosa di diverso, già la tecnologia ibrida però aumenta il prezzo di listino di circa 3.500 euro rispetto alle varianti benzina (a partire dall'allestimento Zen), alzare anche l'asticella dei materiali avrebbe di fatto portato la Clio "fuori mercato".

Nulla da dire invece sulla tecnologia che è possibile installare sulla Clio E-Tech, a patto di qualche soldo extra: sulla nostra vettura erano presenti anche il Pack Lightning, necessario ad avere abbaglianti e anabbaglianti automatici e i fari Performance LED+, e il Pack Street 360, completo di sensori di parcheggio e camera a 360 gradi, non al top del mercato in quanto a qualità video ma comunque di ottima fattura, funzionale e pratica. Non può mancare poi, secondo noi, il Pack Easy Drive Plus, con tanto di Blind Spot Warning per il controllo dell'angolo cieco, il Cruise Control Adattivo e l'Highway and Traffic Jam Companion, di fatto un sistema di guida autonoma di livello 2. Se avete intenzione di viaggiare molto con la vostra Clio E-Tech, quest'ultimo è un pacchetto indispensabile, anche se costa 700 euro aggiuntivi. Il Pack Lightning costa invece 300 euro, il Pack Street 360 600 euro.

Sono soldi bene investiti anche quelli nel sistema EASY LINK da 9,3 pollici (di serie avete il sistema da 7 pollici), un vero e proprio tablet centrale montato in verticale che risponde bene a tutti i comandi, è reattivo il giusto e permette la visualizzazione di Apple CarPlay e Android Auto in modalità "quadrata", il che significa che avete uno spazio ottimizzato per le mappe di navigazione e la possibilità di visualizzare anche elementi del sistema operativo nativo di Renault. Un sistema di infotainment molto completo, multi-utente, che può essere utilizzato anche senza smartphone replication - che fra l'altro richiede l'uso di un cavo, e purtroppo il tunnel centrale della Clio E-Tech non è molto comodo per tenere uno smartphone poggiato con cavo connesso, soprattutto se è un modello di grandi dimensioni.

Forse la disposizione dei menu è poco intuitiva, basterà in ogni caso qualche giorno di pratica per trovare tutto e subito. Più che sufficiente anche il quadro strumenti digitale, anche se come detto lo schermo occupa solo una porzione dello spazio, il resto è occupato dalla carica restante della batteria e dal serbatoio di benzina. Il display scelto da Renault per la sua Clio basta a visualizzare un sacco di informazioni, alcune anche personalizzabili, tuttavia riteniamo che su questo fronte Renault debba ancora lavorare sodo per dar vita a un layout maturo e al servizio dell'utente (almeno in questo caso mancano gli errori di traduzione visti su Captur e Mégane Plug-in Hybrid).

La Renault Clio E-Tech Hybrid secondo noi

Vale la pena di acquistare una Renault Clio E-Tech Hybrid, dunque dal prezzo leggermente maggiorato per via del sistema ibrido con doppio motore elettrico? Secondo la nostra esperienza assolutamente si, avrete fra le mani una compatta briosa e iconica, in grado di tenere a bada i consumi ben al di sotto dei 5 litri per 100 km, anche usando molta autostrada (poi ovviamente dipende da come usate l'acceleratore...). La coppia elettrica si fa notare in modalità Sport, inoltre nessuna paura per la ricarica della batteria: è da 1,2 kWh e si ricarica in fretta utilizzando il motore termico, una soluzione Full Hybrid assolutamente consigliata a chi non ha uno spazio privato per la ricarica e non vuole trafficare con le colonnine pubbliche - al di là del fatto che le Plug-in Hybrid costano mediamente molto di più di questa Clio. A proposito, quanto costa questa Clio E-Tech Hybrid? La motorizzazione ibrida è disponibile dall'allestimento Zen a partire da 21.950 euro, vi consigliamo però di saltare almeno all'allestimento Intens da 23.800 euro, aggiungendo qualche extra qua e là per renderla la vostra Clio migliore di sempre. La compatta francese può infatti essere ultra tecnologica grazie a un tablet centrale opzionale più grande, il freno di stazionamento elettronico, la camera a 360 gradi per il parcheggio, la guida autonoma di livello 2, queste aggiunte però dipendono dalle vostre esigenze...