In sella al nuovo SEAT MÒ eScooter 125: potente e con 137 km di autonomia

Siamo andati a Verona per provare in anteprima il nuovo SEAT MÒ eScooter 125, veicolo potente e con 137 km di autonomia.

In sella al nuovo SEAT MÒ eScooter 125: potente e con 137 km di autonomia
Articolo a cura di

La mobilità elettrica sta cambiando molte delle nostre classiche abitudini, ci sta permettendo di salvaguardare l'ambiente e allo stesso tempo azzerare - o quasi - i tradizionali costi di gestione legati ai veicoli. Tutti i più grandi brand automotive si stanno adeguando al cambiamento e SEAT è probabilmente uno dei più attivi, dinamici ed entusiasti del momento, come dimostra ad esempio la linea di prodotti . Presentata in pompa magna allo Smart City World di Barcellona nel novembre del 2019, uno degli ultimi eventi che siamo riusciti a seguire prima del disastro Coronavirus, la gamma SEAT MÒ ha visto in Italia l'arrivo dell'ottimo monopattino elettrico MÒ eKickScooter 65 - che abbiamo provato per le strade di Verona già lo scorso settembre - e ora il nuovo scooter elettrico MÒ eScooter 125, visto in Spagna sotto forma di prototipo e ora finalmente pronto a essere commercializzato nel nostro Paese. Lo abbiamo guidato in anteprima fra le caratteristiche strade di Verona e non solo, facendo anche una piccola escursione sulle colline scaligere per tentare di cogliere tutto lo spirito del MÒ eScooter 125 e raccontarvelo in questo articolo.

Uno scooter elettrico di nuova generazione

Ad attenderci al campo base, ovvero la "SEAT-CUPRA Academy", un autentico percorso a tappe che ci avrebbe accompagnato lungo la storia della città veronese e - allo stesso tempo - ci avrebbe fatto scoprire le peculiarità di questo nuovo scooter, disegnato e fabbricato fieramente in Spagna, non proveniente da qualche remota località asiatica. Prima di metterci in sella però diamo un'occhiata alla scheda tecnica. Come avrete capito dal nome, il MÒ eScooter 125 è stato ingegnerizzato per assomigliare a un tradizionale scooter 125: si può guidare con patente B e A1 (dunque dai 16 anni in su) e la sua potenza di 7 kW (ben 9 kW di picco) si può paragonare ai migliori prodotti a benzina del mercato. Abbiamo infatti una potenza massima di 12 CV con 95 km/h di velocità max autolomitata, è però con la coppia che il MÒ eScooter 125 guadagna qualcosa in più rispetto ai concorrenti tradizionali: ha uno scatto elettrico e istantaneo che permette di raggiungere i 50 km/h partendo da fermi in appena 3,9 secondi. Tanta potenza che viene gestita da un impianto frenante a doppio disco, da 260 mm all'anteriore con pinza a doppio pistoncino e da 240 mm al posteriore con pinza a pistoncino singolo. Azionando la leva del freno sinistra inoltre si attiva il sistema di frenata combinata CBS, che ripartisce la forza frenante fra l'anteriore e il posteriore, così da aumentare la sicurezza.

Tutto questo è possibile senza scendere a grandi compromessi sul fronte dell'autonomia: abbiamo a disposizione fino a 137 km con una singola carica in modalità City grazie all'ottima batteria da 5,6 kWh, che a casa si ricarica spendendo mediamente 1,08 euro per una ricarica completa 0-100. Significa che 100 km a bordo del SEAT MÒ eScooter 125 costano appena 0,79 euro. Della batteria però parleremo in modo approfondito fra pochissimo. Chiudiamo l'analisi della scheda tecnica parlando del peso, 152 kg con batteria inserita che abbiamo trovato davvero ben distribuiti, dei cerchi da 15" (anteriore) e 14" (posteriore), della lunghezza di 2.026 mm e dell'interasse di 1.427 mm. Ora siamo davvero pronti per girare la chiave.

In sella al MÒ eScooter 125

SEAT non ha optato per una soluzione keyless come altri produttori elettrici, grazie all'ottima applicazione per smartphone My SEAT MÒ possiamo però trasformare il nostro telefono in una chiave remota. Possiamo infatti sbloccare il nostro scooter non solo quando siamo in prossimità ma anche a distanza, magari per permettere a un familiare o a un amico di utilizzare il veicolo. Possiamo anche monitorare il livello di carica della batteria e l'autonomia residua, oltre a conoscere in tempo reale e in qualsiasi momento la posizione del nostro MÒ eScooter 125. Questo grazie a una SIM integrata che dialoga costantemente con la rete quando la batteria è connessa. Una volta a bordo, si nota sin da subito come i tecnici SEAT abbiano svolto un grande lavoro di bilanciamento: nonostante i 152 kg di peso generale, il MÒ eScooter 125 si manovra meglio di altri concorrenti più leggeri sia da fermo che in marcia.

Da fermo inoltre può contare su una marcia indietro che non si attiva in maniera semplicissima, bisogna infatti premere un pulsante semi-nascosto con la mano sinistra e azionare l'acceleratore con la destra, ma che all'atto pratico risulta davvero efficace per le nostre manovre più complicate. Sempre rispetto a molti altri concorrenti, il MÒ eScooter 125 si posiziona sul cavalletto centrale in maniera semplicissima e senza troppo sforzo, cosa che lo rende adatto anche a persone non troppo alte e/o muscolose. A tal proposito impossibile non notare l'altezza della sella, di appena 772 mm da terra, un dettaglio che rende lo scooter davvero adatto a chiunque.

In fase di guida, ciò che si nota è poi il baricentro ribassato, che rende il veicolo agile e divertente, soprattutto in modalità Sport con la massima velocità possibile e un freno motore che riduce al minimo il bisogno del freno. In modalità City invece avremo la velocità massima ferma a 80 km/h e lo scooter andrà libero in veleggio una volta rilasciato l'acceleratore. Per i più parsimoniosi esiste poi anche una modalità Eco, che limita la velocità a 65 km/h e massimizza l'autonomia generale, perfetta per l'uso cittadino quotidiano.

Un ampio sottosella

Appena qualche riga fa abbiamo parlato del baricentro basso del MÒ eScooter 125: questo è possibile grazie al design dello scooter, con gli ingegneri SEAT che hanno incastonato il potente motore da 9 kW nella ruota posteriore e la batteria appena sotto la sella che ospita tranquillamente fino a due persone. Attenzione, letteralmente sotto la sella, non dentro: grazie a questo dettaglio infatti il MÒ eScooter 125 possiede uno spazioso sottosella capace di ospitare fino a due caschi contemporaneamente, davvero straordinario, cosa che molti concorrenti di eguale fascia - pensiamo ad esempio al NIU NQi GTS Pro che abbiamo provato qualche settimana fa - possono soltanto sognare. In questo modo l'utilizzo di un baule posteriore, a meno di esigenze particolari, diventa davvero superfluo, cosa che fa mantenere al veicolo un design accattivante e fa risparmiare a noi qualche soldo extra per l'acquisto di un portaoggetti. Certo tutto ha un costo, anche a livello metaforico-ingegneristico: avere una grande batteria da oltre 5 kWh sotto la sella da 137 km di autonomia significa anche gestire un parallelepipedo di dimensioni non proprio compatte, da ben 40 kg di peso. Proprio per questo motivo sganciando l'accumulatore dallo scooter escono due ruote extra che ci permettono di trasportare il tutto come un trolley, così da ricaricare a casa o in ufficio con poco sforzo.

Una soluzione che potrebbe far storcere il naso a qualcuno, non propriamente accattivante dal punto di vista estetico e che costringe ad avere una pedana un tantino sacrificata, ma comunque funzionale. Inoltre se avete un box o uno spazio privato potete anche collegare alla rete elettrica direttamente lo scooter, senza rimuovere ogni volta la batteria. Batteria che presenta inoltre, su un lato, un enorme LED circolare in grado di dirvi costantemente il livello di carica residuo. Se il design del vano batteria può lasciare spiazzati, quello frontale dello scooter non può che mettere quasi tutti d'accordo.

Il prototipo si è evoluto

Il SEAT MÒ eScooter 125 infatti sprizza "futuro" da ogni poro nella sua parte anteriore, con un design sì elaborato ma allo stesso tempo ragionato e sistematico, con un comodo display LCD appena dietro il lunotto oscurato e un iconico faro LED centrale che però - visto le giornate allungate del periodo estivo - non abbiamo potuto testare nel corso della nostra prova a Verona. A proposito di fari, SEAT ha schiacciato davvero tanto le luci posteriori, il che è accattivante sul fronte estetico ma forse meno funzionale sul lato pratico, con stop e frecce che potrebbero esser visti con qualche difficoltà dagli altri utenti della strada. Il MÒ eScooter 125 è in ogni caso un veicolo maturo, molto potente per la sua categoria e con uno scatto eccezionale, anche in ripresa. Viaggiare sulle colline scaligere in modalità Sport, fra saliscendi immersi nel verde e continue curve, ci ha davvero fatto apprezzare una dinamica di guida invidiabile per la categoria, che modelli simili e più "legnosi" non hanno. In salita il motore da 9 kW di picco non ha fatto una piega e si è arrampicato senza problemi, segno dunque che il MÒ eScooter avrà davvero pochissimi ostacoli insormontabili lungo il suo percorso, in città come nei tratti extraurbani dove è permesso portare veicoli 125.

Arriviamo così a parlare della formula commerciale di SEAT, che vende il suo scooter in unica soluzione (con tanto di incentivi statali) oppure tramite una buona formula di finanziamento. Il prezzo promozionale attuale, con Ecobonus 40% con rottamazione, è di 4.320 euro IVA inclusa anziché 6.750 euro, un ticket d'ingresso davvero molto interessante. Con finanziamento SEAT vi propone invece un tasso quasi 0 (TAN 0,99% TAEG 5,84%) con Zero Anticipo e 48 rate mensili da appena 99 euro - per un totale di 4.320 euro. E lo scooter diventa comunque di vostra proprietà, non è un leasing o un noleggio a lungo termine.

Il SEAT MÒ eScooter 125 secondo noi

Il nuovo scooter elettrico di SEAT si è dimostrato un mezzo davvero versatile e divertente da guidare. Maneggevole nonostante i suoi 152 kg di peso, anche più di altri concorrenti più leggeri per via di un'ottima distribuzione dei pesi e di un baricentro molto basso. Tutta la tecnica è concentrata sulla ruota posteriore e la batteria sotto la sella, il resto è tutto spazio a disposizione degli utenti (visto che la lunga sella ospita con comodità fino a due persone), compreso un vano sottosella eccezionale che può conservare comodamente fino a due caschi contemporaneamente, davvero una chicca non da poco. Il MÒ eScooter 125 sorprende anche sul fronte dell'autonomia: fino a 137 km nella bilanciata modalità City, con velocità fino a 80 km/h, mentre nella modalità Sport siamo attorno ai 90 km visto che viene sprigionata tutta la potenza dello scooter, fino a 9 kW di picco. La batteria da 40 kg può far storcere il naso a qualcuno, soprattutto per via del suo design a incasso, senza questa soluzione però sarebbe stato impossibile avere un'autonomia così ampia. SEAT ha comunque pensato a tutto e ha installato due ruote extra nell'accumulatore, che dunque può essere trasportato senza sforzo a casa o in ufficio; parliamo in ogni caso di una soluzione più comoda e immediata rispetto alla doppia batteria.

Ci sentiamo dunque di premiare il design generale del veicolo, che al di là del manubrio offre anche un comodo display LCD con le principali informazioni di marcia. Il quadro viene completato da un'app companion da usare come chiave digitale (anche remota), come per la localizzazione 24/7 possibile grazie al GPS e a una SIM integrata sempre connessa. Nella sostanza abbiamo un grande rispetto per l'ambiente, una guida che può essere sia confortevole che sportiva, un'autonomia molto ampia, costi di gestione ridotti all'osso (circa 1 euro per una singola ricarica da 137 km) e un prezzo lancio di poco più di 4.000 euro con gli incentivi. Davvero niente male, SEAT.