Volkswagen Touareg 2018: tecnologia al comando per la nuova ammiraglia tedesca

Volkswagen lancia la terza generazione della sua ammiraglia, una vettura iper tecnologica che abbiamo visto in anteprima ad Amburgo.

Articolo a cura di

La nuova Volkswagen Touareg è un concentrato di tutte le evoluzioni tecnologiche fatte in questi anni dalla casa tedesca. Un'ammiraglia che non si pone solo in competizione con i SUV più esclusivi sul mercato, ma che mette in mostra novità importanti sul fronte della sicurezza, dell'infotainment e dei sistemi di guida assistita. La tecnologia è presente in modo massiccio nella nuova Touareg e gestisce diversi aspetti della vettura, ma non è l'unica novità.
Dal design ai motori, il SUV del colosso di Wolfsburg è stato profondamente rinnovato, anche in risposta al crescente arrivo di nuovi modelli premium, dall'Alfa Romeo Stelvio alla Maserati Levante, solo per citare due alternative nostrane. Il nuovo Touareg è stato da poco presentato in Cina, ma noi lo abbiamo già potuto vedere qualche settimana fa in Germania, ad Amburgo, dove è stata organizzata un'anteprima per la stampa italiana.

Nuovo design

La nuova Touareg porta dei cambiamenti importanti nel DNA della vettura. Mentre in passato il focus sull'off-road era ritenuto centrale dalla casa madre, con il nuovo modello si passa a una visione più incentrata sul concetto di SUV multiuso, ancora in grado di affrontare percorsi impegnativi ma pensato maggiormente per un utilizzo su strada. Anche il design mette in evidenza questa scelta, con una linea decisamente rinnovata, che porta dimensioni maggiori e una cura per i dettagli superiore rispetto al passato. Basata sul pianale modulare MLB, la terza generazione del SUV tedesco è lunga 4.878 mm (+77 mm rispetto al modello precedente), larga 1.984 mm (+44 mm) e alta 1.702 mm (-7 mm). Il cambio di dimensioni ha portato due novità importanti: da un lato, il nuovo modello mostra una linea più sinuosa e meno da fuoristrada, strizzando l'occhio al mondo dei SUV di lusso, dall'altro ha permesso di aumentare lo spazio disponibile nel portabagagli, da 697 a 810 litri.
Nonostante le dimensioni superiori, il peso complessivo è di 106 Kg inferiore rispetto al passato, grazie all'utilizzo dell'alluminio e di acciai particolari per la realizzazione della carrozzeria. Questa mostra un design rinnovato ma senza particolari eccessi, come confermato da Klaus Bischoff, Responsabile del Design Volkswagen: "Il design della nuova Touareg lascia comprendere inequivocabilmente che questa vettura è la maestosa ammiraglia del marchio. Inoltre, la forza di questa Volkswagen risiede nella sua gradevolezza e nella sua eleganza - quest'auto non ha bisogno di eccessi per piacere".
Il frontale è stato fortemente rinnovato rispetto al precedente modello e mostra una calandra massiccia e ricca di dettagli cromati, che si sviluppa lungo tutto l'asse orizzontale, fondendosi con i nuovi gruppi ottici. "Con questo frontale volevamo creare qualcosa di assolutamente inedito: grazie a un intenso lavoro abbiamo collegato gli elementi cromati del frontale e il nuovo sistema d'illuminazione a LED della Touareg, in modo tale da cancellare idealmente i punti di transizione fra design e tecnica, per creare un tutt'uno nuovo".
Le linee nette della calandra lasciano poi spazio a superfici più morbide sulle fiancate, in cui spiccano i generosi passaruota, in grado di ospitare ora pneumatici dai 18 ai 21 pollici, contro i 17-20 dell'attuale versione. Rinnovata anche la parte posteriore, con i nuovi gruppi ottici, più tagliati rispetto al passato, che riprendono le linee viste all'anteriore, e un piccolo spoiler a dare continuità alle linee del tetto.

La sensazione è quella di trovarsi di fronte a una vettura che punta molto sull'eleganza e sulla personalizzazione, grazie a tre pacchetti estetici che aggiungono elementi sia all'interno che all'esterno: Elegance, Atmosphere e R-Line. Il primo è indicato per chi cerca un ambiente di guida più caldo, grazie all'utilizzo di materiali dalle tinte naturali e del legno per gli interni, il secondo invece è pensato per chi preferisce uno stile più tecnologico, mentre la R-Line è dedicata a chi apprezza maggiormente i dettagli sportivi. In Italia arriverà anche l'allestimento Executive, che alla dotazione di base aggiunge cerchi in lega da 19 pollici, climatizzatore automatico a quattro zone, sedili in pelle "Vienna", vetri posteriori oscurati, Light e Memory Pack e il nuovo Innovision Cockpit, di cui parleremo a breve.

Motori e allestimento di base

Nella prima fase di commercializzazione in Italia, la nuova Touareg arriverà con due motori, dei 3.0 V6 TDI da 231 e 286 cavalli, successivamente sarà disponibile anche il 3.0 TSI a benzina da 340 cv. Le tre versioni possono gestire fino a 3.5 tonnellate di peso rimorchiabile. Questi motori sono associati a un cambio automatico a 8 rapporti e alla trazione integrale 4Motion, entrambi disponibili di serie. La trazione integrale riesce a ripartire la forza motrice fino a un massimo del 70% all'asse anteriore e fino all'80% su quello posteriore, a seconda delle esigenze. Grazie al sistema 4Motion Active Control è possibile utilizzare diversi profili di guida a seconda della strada che si sta percorrendo, con preset adatti all'asfalto come allo sterrato e pensati per ottimizzare i consumi. In sede di presentazione, gli uomini Volkswagen hanno messo in evidenza le numerose personalizzazioni possibili con questa vettura, tra cui troviamo anche il pacchetto Offroad. Questo include, oltre ai profili di guida personalizzati per il fuoristrada, due occhioni di traino, un serbatoio maggiorato da 75 a 90 litri e numerose protezioni per il sottoscocca e in generale per la vettura, che le consentono un'esperienza di guida più solida su strade sterrate. Alle tre motorizzazioni iniziali se ne aggiungerà un'altra con tecnologia ibrida, basata ovviamente sul 3.0 TSI in coppia con un propulsore elettrico, che porta la potenza complessiva a 367 cavalli, il cui debutto è previsto prossimamente sul mercato cinese.

La dotazione di serie è completa, del resto stiamo parlando dell'ammiraglia VW, e comprende gruppi ottici a LED anteriori e posteriori, sedili in tessuto, bracciolo anteriore, specchietti elettrici e riscaldabili, sistema di infotainment Discovery Pro con schermo da 9.2 pollici, sistema Keyless, climatizzatore a due zone Climatronic e molti assistenti alla guida. Sono disponibili infatti, tra gli altri, Front Assist, Lane Assist, sistema di riconoscimento della stanchezza e riconoscimento automatico della segnaletica stradale. Di serie è presente anche un impianto audio da 80 W con 8 speaker, quattro per le tonalità alte e quattro per quelle basse. I colori disponibili sono in tutto 13, tra metallizzati, pastello ed effetto perla, mentre per gli interni i futuri acquirenti potranno scegliere tra una vasta gamma di colori per personalizzarli a piacimento.

Sospensioni pneumatiche e quattro ruote sterzanti

La dotazione della nuova Touareg è certamente completa, ma è con gli optional che si possono osservare le tecnologie più interessanti, tra cui troviamo le sospensioni pneumatiche 4-Corner, dotate di ammortizzatori gestibili elettronicamente. Questi operano sia in modo automatico che sotto diretto controllo del guidatore e portano funzionalità utili, sia durante l'uso del veicolo che in fase di carico di oggetti ingombranti. Ad esempio, su un percorso dissestato, è possibile sollevare la vettura di 25 mm, arrivando fino a ben 70 mm nel caso di passaggi particolarmente ostici. Allo stesso tempo, si può abbassare l'anteriore di 50 mm, per rendere più agevole l'utilizzo del bagagliaio. Superati i 120 Km/h invece, le sospensioni si abbassando automaticamente di 25-35 mm per rendere più aerodinamica la vettura, migliorando la resa su strada ad alta velocità, grazie anche al nuovo sistema elettronico anti-rollio, che diminuisce l'inclinazione laterale in curva.
Viste le dimensioni generose, Volkswagen offre come optional anche le quattro ruote sterzanti, che facilitano le manovra ma offrono anche maggiore stabilità a velocità elevate. Fino ai 37 Km/h infatti, le ruote posteriori sterzano nella direzione opposta a quelle anteriori, riducendo così il diametro di sterzata e aumentando la manovrabilità. Superati i 37 km/h invece le ruote posteriori seguono quelle anteriori, aumentando l'agilità durante la marcia e in caso di sterzate improvvise. Tutti accorgimenti che migliorano il comfort di guida, ma il cui costo è tutto da verificare.

Interni: ecco il nuovo sistema Discovery Premium

Come in ogni SUV di lusso, anche nel nuovo Touareg troviamo materiali di alta qualità e tantissime possibilità di personalizzazione. All'interno però, a spiccare è certamente il sistema di infotainment, totalmente rinnovato rispetto a quello attualmente montato sulle vetture dalla casa tedesca e composto da due elementi principali, il Digital Cockpit e il sistema Discovery Premium, che vanno a formare quello che Volkswagen chiama "One Screen Design". Buona parte del cruscotto è occupata da due display, uno da 15 pollici (Discovery Premium) e uno da 12 (Digital cockpit). Lo schermo da 15 pollici, con risoluzione Full HD, racchiude al suo interno buona parte delle funzioni multimediali e di gestione della vettura, dal climatizzatore ai sedili elettrici, mentre alcuni elementi più utilizzati sono stati mantenuti analogici, come la rotella del volume. Da qui si può impostare il sistema di navigazione Connected Navigation, che sfrutta anche dei server dedicati per l'analisi del traffico, o gestire la radio MIB2+, che può ricevere sia le trasmissioni tradizionali FM sia quelle digitali, oltre a quelle via internet.
Questo è possibile attraverso una eSIM installata all'interno della vettura, che la collega alla rete in modo indipendente dallo smartphone. L'interfaccia è ora decisamente più personalizzabile, l'intenzione di VW è quella di rendere più semplice l'utilizzo dei sistemi elettronici della vettura, ma l'abbiamo provata troppo poco per dare un giudizio conclusivo in merito.
Davanti al guidatore è posizionato invece il Digital Cockpit, simile all'Info Active Display attuale ma maggiormente integrato all'interno dell'interfaccia, che si presenta continua tra i due pannelli. Grazie allo schermo da 12 pollici con risoluzione di 1920x720 pixel e ai comandi sul volante, è possibile gestire da qui diverse azioni senza passare dallo schermo più grande: ad esempio, si possono effettuare chiamate o gestire la riproduzione musicale, come anche controllare i diversi sistemi di assistenza alla guida.
Già questi due elementi rappresentano un'offerta tecnologica decisamente ricca, ma è possibile personalizzare l'abitacolo anche con un altro gadget tecnologico, inedito per Volkswagen, ovvero l'Head Up Display. Questo visualizza, direttamente sul parabrezza e davanti allo sguardo del guidatore, le informazioni sulla velocità, sulla navigazione e sui sistemi di guida assistita utilizzati, consentendo un controllo rapido e senza distrazioni sull'andamento della vettura.

Sempre come optional, la nuova Touareg offre anche sedili anteriori regolabili elettronicamente e massaggianti, mentre quelli anteriori possono scorrere di 160 mm, aumentando così lo spazio nel portabagagli. Non manca nemmeno il tetto panoramico più grande mai creato da VW, anche questo gestibile dall'elettronica di bordo, e un sistema audio avanzato realizzato da Dynaudio, da 730 W totali e compatibile con lo standard Dolby fino a 7.1 canali.

Sistemi di assistenza alla guida e visione notturna Nightvision

Volkswagen ha posto un focus marcato sui sistemi di assistenza alla guida di cui è dotata la nuova Touareg, che consentono di aumentare il livello di sicurezza a bordo e di automatizzare, almeno in parte, l'utilizzo del veicolo. A disposizione ci sono il Front Assist con frenata d'emergenza e riconoscimento dei pedoni, Cruise Control Adattivo, Lane Assist, Side Assist, per prevenire collisioni laterali, frenata anti collisione multipla e un sistema di assistenza agli incroci. Quest'ultimo, attraverso dei radar, fornisce un avvertimento quando un veicolo sta per incrociare lateralmente la traiettoria della vettura, e anticipa le mosse del guidatore per cercare di prevenire un incidente. A tal proposito, sono presenti dei sistemi proattivi di protezione: quando questi riconoscono un potenziale impatto, le cinture di sicurezza si tendono automaticamente, modificando la posizione dei sedili per consentire agli airbag di avere la massima efficienza nella protezione dei passeggeri. Durante la marcia è possibile utilizzare l'assistenza alla guida in colonna fino a 60 Km/h. Fino a questa velocità, grazie alla sinergia tra i diversi sistemi, si può automatizzare momentaneamente la marcia. Vista la possibilità di installare un gancio traino elettrico, comandabile direttamente attraverso un pulsante dal portabagagli, la vettura offre anche un sistema, chiamato Trailer Assist, che aiuta il guidatore ad effettuare manovre in retromarcia con rimorchio.
Novità assoluta è il sistema di visione notturna Nightvision, visibile nella calandra della macchina. Attraverso una telecamera termografica, vengono visualizzati sullo schermo del Digital Cockpit delle immagini in bianco e nero dello scenario di guida, con persone o animali che vengono invece segnalati in rosso o in giallo a seconda del rischio di impatto, attivando nel caso anche la frenata d'emergenza. Il sistema è integrato anche con i nuovi fari IQ.Light a LED Matrix (optional), i quali possono inviare un segnale luminoso ai pedoni per avvertirli del pericolo o evidenziare un ostacolo impossibile da vedere a causa del buio.
Questa è solo una delle funzioni di cui sono dotati, per un sistema che consente un controllo totale della luce emessa. I gruppi ottici anteriori sono formati da 128 LED ciascuno, di cui 48 per l'anabbagliante e 27 per l'abbagliante, mentre i restanti vengono utilizzati per gestire, insieme agli altri, delle funzioni piuttosto particolari. Insieme alla telecamera anteriore, al GPS, al sistema di navigazione e all'angolo di sterzata i fari vengono indirizzati nel modo ottimale in base all'andamento della vettura e al contesto di guida.

La gestione è totalmente automatizzata grazie al Dynamic Light Assist: il guidatore deve solo attivare gli abbaglianti permanenti. Il sistema è in grado di capire quale sia l'impostazione perfetta in base alla strada che si sta percorrendo, enfatizzando ad esempio l'intensità della luce ai lati durante la guida in città, oppure attivando gli anabbaglianti sulle strade extraurbane. Chiaramente, Dynamic Light Assist è studiato per non infastidire chi viene dalla direzione opposta, ma è interessante osservare la gestione della luce di questa particolare tecnologia, che può essere plasmata all'occorrenza.
Purtroppo non abbiamo ancora riscontri sulla disponibilità e sui prezzi della nuova ammiraglia Volkswagen, aggiorneremo tuttavia l'articolo non appena avremo maggiori informazioni a riguardo.