Primo contatto con le nuove SEAT Leon TGI e SEAT Tarraco e-Hybrid

Abbiamo provato in anteprima sui colli della Valpolicella i nuovi modelli a propulsione green della casa spagnola.

Primo contatto con le nuove SEAT Leon TGI e SEAT Tarraco e-Hybrid
Articolo a cura di

SEAT sembra ormai inarrestabile: l'offerta di motorizzazioni - in piena armonia con il programma del Gruppo Volkswagen - continua a crescere e questa volta siamo stati invitati dalla casa di Martorell sulle strade della Valpolicella per provare le ultime arrivate, SEAT Leon TGI a metano e SEAT Tarraco e-Hybrid con tecnologia Plug-in. Entrambe le alimentazioni "non convenzionali" ci hanno convinto parecchio, dimostrando il fatto che oggi più che mai macinare chilometri spendendo poco e a bordo di vetture di eccellente fattura è possibile.

SEAT Leon TGI

L'abbiamo provata in tutte le salse, sia in versione hatchback che Sportstourer, spaziando tra le motorizzazioni classiche fino ad arrivare al Mild Hybrid e al Plug-in Hybrid.
Leon si conferma una delle segmento C migliori sul mercato, una vettura che offre tantissimo a un prezzo davvero interessante, che questa volta vuole osare in un settore in cui l'offerta, almeno nel nostro Paese, è piuttosto scarsa. Il metano resta uno dei propellenti più green disponibili su mercato, porta con sé vantaggi fiscali non indifferenti oltre che a spese di gestione veramente ridotte.
SEAT lo sa bene, la domanda in effetti è molto alta ed è per questo che il mix è sorprendente: 1 SEAT Leon immatricolata su 3, pensate bene, è a metano.
La ricetta è quindi la stessa che abbiamo già visto nelle nostre prove precedenti, una berlina dal carattere deciso, bella fuori, funzionale dentro e soprattutto ricchissima tecnologia già dall'allestimento base Style.

La novità però la troviamo sotto al cofano, il propulsore è il 1.5 TGI a quattro cilindri da 130 CV e 200 Nm di coppia massima a cui può venir abbinato o un cambio manuale oppure il classico cambio robotizzato DSG a 7 rapporti.
Consigliamo assolutamente quest'ultima opzione, sulla Leon a metano il doppia frizione si dimostra rapidissimo e fluido anche utilizzando i paddle dietro al volante, oltre che intelligente nello scegliere la marcia giusta quando si vuole andare a risparmiare carburante.
Il motore invece è a ciclo Miller per favorire consumi ridotti ed efficienza extra ma non temete, grazie alla turbina non vi troverete di fronte a un motore smorto.
Si comporta (quasi) come un aspirato old-school, bisogna girare in alto - fino a 6.500 giri - per poter ottenere un po' di brio e sfruttare l'ottimo allungo di questa unità endotermica.

L'alimentazione a metano è monofuel e troviamo anche un serbatoio della benzina da nove litri a cui si abbinano tre bombole da 17,3 kg complessivi per il gas naturale - utili a percorrere 440 km di strada con un pieno.
A differenza della cugina ibrida Plug-in che perde spazio nel vano bagagli a causa della batteria, Leon TGI offre la stessa capacità di carico utile (300 litri per la berlina, 480 per la station wagon) per il trasporto bagagli delle versioni tradizionali, grazie al fatto che le bombole sono collocate al di sotto del pianale.

SEAT Tarraco E-Hybrid

La gamma dell'ammiraglia di SEAT si amplia con l'entrata in listino della versione e-Hybrid, la variante elettrificata Plug-in del marchio spagnolo.
Ritroviamo il powertrain ibrido che abbiamo già testato su Leon a Dicembre 2020, ma questa volta il mix tra 1.4 TSI e motore elettrico sprigiona ben 245 CV e 400 Nm di coppia, andando di fatto a siglare la più potente Tarraco mai prodotta.
Grazie alla batteria agli ioni di litio da 12,8 kWh il mid-size SUV di Martorell offre un'autonomia reale in e-Mode di circa 50 km, con una velocità di ricarica di circa 3 ore e mezza utilizzando una wallbox oppure poco meno di 5 ore con un caricabatteria standard da 2,3 kW.
Anche qui lo scettro della trasmissione è affidato al DSG ma questa volta a sei rapporti. Si dimostra tanto efficiente quanto divertente da sfruttare con le palette dietro al volante ma lo sappiamo, è uno dei cambi migliore in commercio e ogni volta ne abbiamo la conferma.

Se con la propulsione a gasolio avevamo elogiato la splendida tenuta di strada e il grande lavoro dell'Adaptive Chassis Control (DCC) per tenere sotto controllo il fisiologico rollio di un SUV da 1.800 kg, ma avremmo preferito un po' di brio in più dal motore, con l'elettrificazione siamo stati accontentati al 100%.
Con una linea di coppia estremamente lineare e la trazione anteriore - come nel 79% dei SUV moderni - abbiamo uno scatto da fermo impressionante, 0-100 in appena 7,5 secondi (quanto una 500 Abarth prima serie) con una velocità massima di 205 km/h.

Abbiamo a disposizione anche un pulsante vicino alla leva del cambio, chiamato S-Boost, che permette di spremere ogni Nm di coppia dal powertrain, soluzione che tra l'altro è anche presente sulla nuova Cupra Formentor e-Hybrid da 245 CV.
I consumi dichiarati sono tra 1,6 e 2,1 l/100 km ma è più probabile aspettarsi un consumo reale di circa 5,5 l/100 km se consideriamo che non sempre ci saranno le condizioni ideali per utilizzare la frenata rigenerativa e ricaricare il pacco batteria. Resta il fatto che avendo a disposizione molta coppia e un assetto davvero sfizioso per essere un SUV, si è sempre invitati a pestare sul pedale destro e questo, ovviamente, andrà a intaccare i consumi globali dell'auto.

Prezzi e allestimenti

Tarraco in versione Plug-in Hybrid è venduto solo con due allestimenti, entrambi top di gamma e già ricchi di accessori, Xcellence e Fr. I prezzi partono rispettivamente da 44.600 e 46.250 euro ma in questo periodo è attiva un'offerta ufficiale di SEAT che porterebbe il prezzo a circa 36.000 euro - a cui poi andrebbero detratti ulteriori ed eventuali ecoincentivi statali e di rottamazione. Niente male quindi per un SUV che ha tutte le carte in regola per poter essere definito premium, molto accessoriato e con un'attenzione ai i dettagli non comune in questa fascia di prezzo. Il comparto tecnologico poi è molto completo, il Digital Cockpit è di serie così come l'infotainment da 9,2 pollici con Apple CarPlay, Android Auto e l'IA nativa Hola Hola.
Da tenere in considerazione solo il fatto che con l'elettrificazione della vettura si vanno a perdere i 7 posti che sono invece disponibili sulle altre motorizzazioni tradizionali e 150 litri di capienza del bagagliaio, restano in ogni caso a disposizione 610 litri (o 1.710 litri con i sedili abbattuti).

Quanto ai prezzi per la nuova SEAT Leon TGI a metano si parte da 25.650 euro per l'allestimento Style (con Digital Cockpit di serie) per poi passare ai 27.300 euro del Business e arrivare ai 28.700 euro della più venduta FR. Il cambio DSG è un optional da 1.650 euro, ma noi di Everyeye lo consigliamo caldamente. Per la Sportstourer invece bisogna aggiungere ulteriori 750 euro ai listini ma si ottiene una vettura con quasi 200 litri in più di bagagliaio.
Come per Tarraco però è attiva una promozione di SEAT Italia, quindi il prezzo "finito" di una SEAT Leon TGI Style al momento è di 20.400 euro (o 159 euro al mese con finanziamento) mentre Leon Business arriverebbe a costare 21.950 euro (169 euro al mese) e Leon FR a metano chiude a 23.000 euro (179 euro al mese).