Continental AllSeasonContact 2: la nostra prova in anteprima

Nello stupendo contesto di Saalfelden/Brandlhof abbiamo provato in anteprima le nuove gomme quattro stagioni di Continental AllSeasonContact2.

Continental AllSeasonContact 2: la nostra prova in anteprima
Articolo a cura di

Spesso nella sezione Motori di Everyeye.it vi abbiamo parlato di quanto è importante scegliere la gomma giusta in modo da avere un corredo completo di sicurezza, handling ed efficienza in base alle diverse condizioni di guida. Il 22 maggio 2023 con Continental abbiamo scoperto e provato il nuovo pneumatico quattro stagioni AllSeasonContact 2, il successore del pluripremiato AllSeasonContact introdotto nel 2018, presso il circuito di prova ÖAMTC Driving Technique Centre a Saalfelden/Brandlhof nella magnifica cornice delle Alpi tirolesi.
Attraverso prove di frenata di emergenza su bagnato, giri di pista con auto performanti e guida su strada con veicoli EV abbiamo messo alla prova il nuovo prodotto di Continental e, come presto leggerete, per noi è già candidato a essere uno dei migliori pneumatici all-rounder di sempre.

Un AllSeason Contact migliorato

Si sa, squadra che vince non si cambia. L'AllSeasonContact di precedente generazione di Continental, lanciato sul mercato cinque anni fa, ha riscosso in questi anni un enorme successo grazie alle sue performance invidiabili in termini di comfort, sicurezza all'aquaplaning e bassa resistenza al rotolamento permettendogli di vincere ben 13 test tra pneumatici all season effettuati da testate specializzate.

AllSeasonContact 2 riprende lo sviluppo del modello predecessore affinando ulteriormente la tecnica e incrementando alcuni parametri in cui AllSeasonContact già eccelleva. Il pattern, per esempio, riprende quello originale ma è stato leggermente modificato - dopo aver testato virtualmente oltre 250 disegni diversi in 2 anni e mezzo di lavoro - creando dei nuovi tasselli a C al centro del battistrada in modo da avere un livello di abrasione ridotto, con forze di trasferimento ottimizzate e adesso completamente assenti nel punto di contatto più lontano rispetto alla direzione di rotolamento.
Questo si traduce in un'efficienza da record con un incremento di chilometraggio utile del 15% rispetto al modello passato (Dekra addirittura ha rilevato un +20%), grazie poi alle nuove scanalature a V la distanza di frenata su bagnato è stata ridotta di un ulteriore 4%, l'handling su asfalto viscido e asciutto inoltre è aumentato del 3%.

Anche la mescola ha subito un cambiamento, il brand di Hannover ha proposto infatti un nuovo compound "blended": ogni pneumatico del portfolio Continental ha caratteristiche uniche grazie a una mescola specifica e dedicata, AllSeasonContact 2 incorpora tutte le mescole della gamma - con proporzioni adeguate - in modo da offrire al cliente tutte le soluzioni in un unico pneumatico.

Vista poi la transizione propulsiva in atto nel mondo automotive, Continental ha dedicato un focus particolare anche alle esigenze delle nuove vetture elettriche, includendo per la maggior parte delle BEV (es: CUPRA Born, Tesla Model 3 o Nissan Ariya) misure compatibili. In questo modo, come per tutti gli altri prodotti in gamma, sulla spalla della gomma sarà riportato il nuovo logo EV-Compatible a indicare proprio questa caratteristica.

Il nostro test nel dettaglio

Proprio dai modelli Full Electric abbiamo iniziato la nostra prova del nuovo AllSeasonContact 2. Attraverso le valli tirolesi ci siamo messi alla guida prima di una Mercedes EQS 580 4MATIC+ (super berlina da 855 Nm di coppia, 523 CV e ben 2.585 kg di peso) e poi della nuova Nissan Ariya.

Se sulla lussuosissima EQS abbiamo fin da subito apprezzato l'ottimo comportamento degli pneumatici sui percorsi di montagna, abbiamo avuto qualche difficoltà a percepire il reale livello di comfort della gomma data l'insonorizzazione pazzesca della vettura e dell'assetto pneumatico. Ottimi invece i consumi (considerando la tipologia di vettura), su 70 km di strada mista con svariate salite abbiamo rilevato 22,8 kWh/100 km, meno del dichiarato dalla casa nel ciclo misto.
Per scoprire i reali livelli di comfort di AllSeasonContact 2 ci è venuta incontro la Nissan Arya, vettura con posizionamento ben più basso rispetto alla EQS: nei 50 km che ci hanno separato dal checkpoint alla pista ÖAMTC abbiamo apprezzato sia l'ottimo assorbimento delle asperità da parte dello pneumatico sia il basso rumore di rotolamento, quasi impercettibile anche a velocità sopra i 90 km/h.

Dopo la prova sulle EV abbiamo testato il lato più performante di questa gomma su due pepatissime hot hatchback dalla filosofia differente. Continental ci ha messo a disposizione un circuito di 1,2 km con sezioni di bagnato/asciutto, curve strette e rettilinei dove abbiamo provato prima la nuova Yaris GR-Four da 261 CV con trazione integrale e poi una Hyundai i20N Performance da 204 CV e trazione anteriore.

Premettendo che la AllSeasonContact 2 non si propone né come gomma performance né tanto meno come gomma da pista, possiamo dire che siamo rimasti più che colpiti da come le due hot hatchback si sono comportate sul circuito montando quel tipo di pneumatico.
Nello specifico ci è piaciuto moltissimo l'handling sul bagnato di entrambe le vetture, solamente la i20N portata al limite ha mostrato un comportamento sottosterzante, la Yaris GR invece, complice anche le quattro ruote motrici e i tre differenziali, ha mantenuto durante tutta la prova una compostezza esemplare senza mai andare in crisi e trovando un ottimo feeling con gli pneumatici.

La giornata si è conclusa con la temutissima prova di frenata d'emergenza su fondo bagnato: in questo caso abbiamo prima provato AllSeasonContact 2 equipaggiato su una Volkswagen Golf GTI 8 da 245 CV in un test di arresto completo da 85 km/h a 0 e poi, sulle stessa vettura, abbiamo rifatto la prova montando questa volta delle gomme analoghe a basse performance (le classiche entry level B-brand che si comprano online).
Il risultato è stato impressionante: su quattro lanci con le nuove AllSeasonContact 2 abbiamo tenuto una media di arresto di 33 metri, mentre sulle gomme economiche ben 50,5 metri, un'enormità.

Tutto ciò è piuttosto indicativo e mostra che dietro a uno pneumatico premium c'è la costante ricerca della massima sicurezza, cosa che difficilmente una gomma da prezzo stracciato può offrire. Vi invitiamo a riflettere sul fatto che uno scarto di quasi 20 metri è talmente grande che, nel momento in cui l'auto equipaggiata con le AllSeasonContact 2 si arresta, quella con gli pneumatici low performance sta procedendo ancora a 46 km/h. Pensate a quale differenza può fare questo in situazioni di emergenza.

Nell'etichetta europea AllSeasonContact 2 ha ottenuto la tripla classe "B" per la frenata sul bagnato, la resistenza al rotolamento e indice di rumorosità, in quanto pneumatico quattro stagioni riporta il marchio M+S e il simbolo del fiocco di neve per l'uso invernale. Questo nuovo pneumatico sarà disponibile a partire da autunno 2023, giusto in tempo per il cambio gomme, con Continental che inizierà gradualmente la produzione di 99 misure per cerchi con diametro da 15 a 21 pollici e, insieme all'AllSeasonContact di prima generazione, sarà così in grado di equipaggiare l'87% di tutti i veicoli disponibili sul mercato.